Race In evidenza

Informazioni aggiuntive

  • Sinossi:

     

     

    Race – Il colore della vittoria è la storia di James Cleveland “Jesse” Owens (Stephan James), campione olimpico a Berlino nel ’36. Jesse, nonostante le tensioni razziali nell’America reduce dalla Grande Depressione, riesce ad ottenere la convocazione alle Olimpiadi di Berlino, grazie al supporto del coach dell’Ohio University, Larry Snyder (Jason Sudeikis). 

    Nonostante la volontà di parte del Comitato Olimpico Americano di boicottare le Olimpiadi di Berlino in segno di protesta contro Hitler, gli Stati Uniti, grazie alla mediazione di Avery Brundage (Jeremy Irons), partecipano all’evento, e Jesse, grazie alla sua determinazione e alle sue capacità atletiche, si aggiudica 4 medaglie d’oro nella Germania del regime nazista. Un’impresa che ancora oggi ispira milioni di persone.

  • Genere: storico
  • Regia: Stephen Hopkins
  • Titolo Originale: Race
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Produzione: Forecast Pictures
  • Data di uscita al cinema: 31 marzo 2016
  • Durata: 134’
  • Sceneggiatura: Joe Shrapnel & Anna Waterhouse
  • Direttore della Fotografia: Peter Levy ASC, ACS
  • Montaggio: John Smith, ACE
  • Scenografia: David Brisbin
  • Costumi: Mario Davignon
  • Attori: Stephan James, Jason Sudeikis, Jeremy Irons
  • Destinatari: Scuole di ogni Ordine e Grado
  • Approfondimenti:

     

    BREVE CRONISTORIA DI JESSE OWENS

    GLI ESORDI 

    - Il ventunenne Jesse Owens esordisce nel mondo dello sport agonistico nel maggio 1935, stabilendo quattro record del mondo in quattro specialità differenti: le 100 yards (in 9”3), le 220 yards piane (in 20”3) le 220 yards ad ostacoli (in 22”6) e il salto in lungo (con 8.13 m). 

    - Grazie ai suoi successi viene convocato per rappresentare gli Stati Uniti ai Giochi Olimpici del 1936.

     

    1936

    - Ai Giochi Olimpici del 1936, organizzati dalla Germania nazista a Berlino con il chiaro intento di propagandare la supremazia della razza ariana, vince contro ogni aspettativa. 

    - Owens diventa così il primo atleta Americano a vincere quattro medaglie d’oro in una sola Olimpiade: i 100 metri, i 200 metri, i 200 metri salto in lungo e la staffetta 4 x 100. 

    - Durante le Olimpiadi Owens stringe un profondo legame di amicizia con l’avversario tedesco Carl Luz Long, sfidando così le ideologie naziste.

    - Nel pomeriggio del 4 agosto 1936, di fronte alla vittoria di Owens, il Führer esce dallo stadio senza stringere la mano a Owens, scatenando un caso storico che verrà poi negato dallo stesso Owens nella sua autobiografia. 

    - E’ il presidente statunitense Franklin D. Roosevelt - in quel periodo impegnato nelle elezioni presidenziali del 1936 - a rifiutare di congratularsi con Owens e a decidere di cancellare l’appuntamento alla Casa Bianca con il campione olimpionico. 

     

     

    DOPO BERLINO

    - Il primo settembre 1939, la Germania invade la Polonia dando inizio alla Seconda Guerra Mondiale. 

    - A causa della disobbedienza dimostrata all’ideale nazista, Carl Luz Long viene arruolato nell’esercito tedesco e inviato al fronte. L’amicizia tra Owens e Long prosegue nonostante le difficoltà e gli accadimenti storici, fino alla morte di quest’ultimo nel 1943 durante l’invasione della Sicilia da parte degli alleati.

    - Owens, rientrato in patria, è accolto da un milione di persone. Nonostante il clamore suscitato, la vittoria alle Olimpiadi non procura inizialmente tangibili benefici economici a Owens, il quale, al suo ritorno negli Stati Uniti, intraprende diversi lavori per procurarsi da vivere, lavorando anche come rappresentante e consulente per enti e organizzazioni legate allo sport. 

    - Il padre di Owens, Henry, viene invece assunto come custode all’Ohio State University dopo anni di disoccupazione. 

    - Nello stesso periodo Avery Brundage, che nel 1936 ricopriva la carica di Presidente del Comitato Olimpico degli Stati Uniti e aveva rifiutato di boicottare i Giochi olimpici di Berlino - decisione che portò all’esclusione degli atleti ebrei e all’accusa di inclinazioni filonaziste - viene assolto da ogni accusa di collaborazionismo con il regime nazista. 

    - Nel 1952 viene eletto Presidente del Comitato Olimpico Internazionale e mantiene la carica fino al 1975, anno della sua morte. 

    - Larry Snyder, storico allenatore di Owens, continua ad allenare con successo fino alla pensione gli atleti dell’Ohio State University. I suoi atleti hanno ottenuto 14 record mondiali, vinto 52 competizioni americane e 8 medaglie d’oro olimpiche. Nel 1960, si reca a Roma come capo allenatore della squadra olimpica americana di atletica.

     

    FAMA POSTUMA

    - La Casa Bianca non aveva mai riconosciuto alcun riconoscimento ufficiale ad Owens. 

    - La situazione cambia solamente nel 1976, quando Owens è invitato alla Casa Bianca dal presidente Gerald Ford per ricevere il primo vero riconoscimento per i suoi successi sportivi, ovvero la Medaglia Presidenziale della Libertà - il massimo titolo per un civile americano. 

    - Nel 1979, sempre alla Casa Bianca, Owens viene insignito del Living Legend Award. 

    - Il 31 marzo 1980 Jesse Owens muore a causa di un tumore ai polmoni, lasciando la moglie Ruth, le tre figlie Gloria, Beverly e Marlene e un ultimo record mondiale che viene battuto solo 25 anni dopo. 

    - Nel 1990, Owens è stato insignito della medaglia d’Oro del congresso, ormai postuma, come eroe olimpico e americano. Oggi numerose scuole, strade e parchi in America portano il suo nome, una sua statua campeggia a Fort Huntington Park, a Cleveland, mentre la sua Università - la Ohio State University - gli ha intitolato il palazzetto degli eventi sportivi e ospita centri ricreativi dedicati alla sua memoria.

     

    LA PRODUZIONE

     

    L’UOMO E LA LEGGENDA

    Jesse Owens è un’icona mondiale. Ancora ai nostri giorni, in cui il successo fa fatica a durare, risuona forte la fama del quattro volte oro olimpico ai Giochi di Berlino del 1936. I suoi successi alle Olimpiadi di Berlino hanno letteralmente rischiarato il mondo. Ottant’anni dopo, Owens è e rimane uno degli eroi olimpici la cui immagine e il cui nome sono parte inscindibile della nostra eredità culturale. 

    Il produttore Luc Dayan, dopo aver prodotto e sviluppato il premiato corto Tribute to Jesse Owens and Carl Lewis, ha pensato a un film interamente dedicato alla storia di Owens. Il progetto è stato appoggiato dal produttore Jean-Charles Lévy, quindi dal regista Stephen Hopkins, e da un gruppo di registi internazionale – a testimoniare l’impatto che ha ancora oggi la figura di Jesse Owens in tutto il mondo. 

    Realizzato in collaborazione con la Fondazione Jesse Owens e con la stessa famiglia Owens, Race – Il colore della vittoria è il primo film su Owens. Lévy commenta: “Prima di fare qualunque cosa, abbiamo incontrato le figlie di Jesse Owens e sua moglie, Ruth Solomon. Abbiamo raccontato loro cosa volevamo fare, quale sarebbe stato lo spirito del film e come intendevamo coinvolgerle. Ci sono state accanto in tutte le fasi di sviluppo e produzione del film.”

    La sceneggiatura di Race – Il colore della vittoria, opera di Joe Shrapnel e Anna Waterhouse, si concentra sugli anni più intensi della storia dell’atleta, dall’arrivo all’Ohio State University appena diciannovenne, ai successi di appena due anni dopo sul palcoscenico internazionale delle Olimpiadi di Berlino. 

    Waterhouse commenta: “Non volevamo raccontare la storia di tutta la sua vita, ma solo suggerire quanto è avvenuto prima e dopo attraverso il prisma degli anni più significativi della sua vita.” 

    Hopkins aggiunge: “Non credo sarà mai possibile rendere davvero giustizia alla vita di Jesse Owens in sole due ore di film. Descrivendo la sua parabola ascendente degli anni 1934-1936, lo vediamo trasformarsi da giovane e inesperto atleta in campione mondiale. Quest’arco di tempo è anche di grande interesse drammatico: non sarebbe potuto accadere né prima né dopo, in virtù di alcune innovazioni tecnologiche e, da un punto di vista prettamente storico, a causa dell’avanzata del fascismo in Europa.” 

    Shrapnel e Waterhouse hanno cercato di superare i limiti tipici dei film ispirati alle “prodezze” sportive, con un coinvolgimento che travalicando lo sport, attinge alla storia, e alla sua dimensione sociale e politica. Shrapnel racconta: “Perché il pubblico possa veramente apprezzare i successi di Owens, la portata e l’importanza delle sue vittorie, dovevamo dare anche degli elementi di contesto storico e politico. Non tutti sanno che per un pelo i Giochi Olimpici rischiavano di saltare, o quantomeno la partecipazione americana. I Giochi Olimpici di Berlino sono stati gli ultimi fino a dopo la Seconda Guerra Mondiale. Il mondo iniziava a cambiare rapidamente.”

    Waterhouse aggiunge: “Abbiamo condiviso le nostre idee con Stephen, e grazie al suo supporto, la collaborazione si è evoluta in una delle esperienze più positive mai avute con un regista. In ogni fase del lavoro, grazie alla sua disponibilità, abbiamo migliorato e approfondito l’idea iniziale.” 

    Hopkins commenta: “La storia di Jesse Owens è tanto ricca e incredibile che Joe e Anna non hanno dovuto inventare niente. Il lavoro è stato, piuttosto, riuscire a isolare e selezionare gli elementi, per arrivare al cuore della storia.” 

    Gli sceneggiatori hanno consultato centinaia di documenti e biografie dell’epoca, insomma tutto ciò che hanno potuto trovare su Jesse Owens. “Questi documenti hanno riaffermato – semmai ce ne fosse bisogno – l’importanza di Owens e delle sue vittorie a Berlino, da un punto di vista eminentemente sportivo e, in più in generale, da quello umano” commenta Shrapnel.

    “La sceneggiatura di Joe e Anna fa di Race – Il colore della vittoria una storia davvero internazionale”, aggiunge Kate Garwood. 

    Waterhouse continua: “La nostra finestra sulla sua vita apre uno squarcio sul rapporto che forse più di tutti ha segnato la vita di uomo e di atleta di Jesse Owens: quello con Larry Snyder, già suo coach all’Ohio State University. Un rapporto basato sul rispetto e sull’amicizia, quindi su una componente emotiva che deve fare i conti con la sfaccettata situazione sociale e politica che Jesse si trova a dover affrontare.

    “Il clima in cui Owens è cresciuto come atleta ha avuto un grande impatto emotivo su di lui. La sua vita, infatti, è stata direttamente influenzata dal dibattito su se gli Stati Uniti dovessero o meno boicottare i Giochi Olimpici di Berlino in segno di protesta contro la persecuzione degli Ebrei e degli altri gruppi etnici operata dal regime totalitario di Hitler.”

    Shrapnel aggiunge: “Sono molte le relazioni che il film scandaglia, non solo quella tra Owens e Snyder. C’è, ad esempio, quella tutta interna al comitato olimpico americano, tra Avery Brundage e Jeremiah Mahoney.

    “Oltre a questo, la competizione ma anche il profondo rispetto tra Owens e uno dei suoi più grandi rivali, l’atleta tedesco Carl ‘Luz’ Long, la grande speranza ariana di Hitler. Owens e Lung sono rimasti amici per molti anni dopo i Giochi.”

    Infine, Shrapnel evidenzia “la dinamica relazionale tra la regista Leni Riefenstahl e il ministro per la propaganda del regime, Joseph Goebbels.”

    Questi ultimi sono portatori di un mondo diverso rispetto a quello di Owens, di una dimensione che però ha un fortissimo impatto sulla vita e sul destino dell’atleta. “Per il regime nazista, le Olimpiadi rappresentavano il biglietto da visita per la conquista del mondo”, ricorda Waterhouse. “Le prodezze di Owens hanno posto una pietra miliare nella storia dei Giochi Olimpici. La Riefenstahl è riuscita a convincere Hitler che i Giochi avrebbero immortalato e consacrato il movimento Nazista, come nel suo precedente lavoro, Il trionfo della volontà. Ma Goebbels non si è mai fidato di lei, né della sua relazione con Hitler.”

    La battaglia combattuta a colpi di parole tra la Riefenstahl e Goebbels rappresenta il delicato equilibrio tra il popolo tedesco e la classe dirigente nazista. Mentre Goebbels perdeva la sua battaglia propagandistica, in parte anche a causa del successo di Owens, la Riefenstahl consacrava quei momenti alla storia grazie al documentario capolavoro Olympia. Le performance di Owens furono inizialmente escluse dal film, e poi successivamente reinserite per volontà della stessa Riefenstahl.

    Hopkins nota: “Quel documentario ha mostrato a tutto il mondo le straordinarie doti di Owens, all’origine di una serie di incontri cruciali con persone di tutto il mondo.”

    Waterhouse commenta: “Tra le innumerevoli persone conosciute da Owens nella sua carriera di atleta, molte hanno cercato di intralciarlo, sia in America sia all’estero. Anche dopo aver portato il proprio Paese sul podio dell’orgoglio olimpico, Owens è stato vittima di razzismo nella vita quotidiana.”

    Shrapnel aggiunge: “Il razzismo è stata una battaglia quotidiana per Owens. Ci è sembrato importante aggiungere queste informazioni alla fine del film, non attraverso semplici cartelli narrativi, ma attraverso una sequenza che drammatizza un evento purtroppo realmente accaduto, che dà veramente la misura di quanto successo.”

     

  • Spunti di Riflessione:

     

    di L.D.F.

     

    1) Nel 1936 la Germania ottenne dal Comitato Olimpico Internazionale di poter organizzare le Olimpiadi a Berlino. Hitler era diventato Cancelliere nel 1933 e, nel 1919, con i Trattati di  Versailles, il popolo tedesco, sconfitto, era subissato da una serie di disposizioni, soprattutto franco-inglesi che lo riducevano alla fame. Eppure 14 anni dopo poteva organizzare le Olimpiadi e 19 anni dopo, negli incontri di Monaco, con gli altri paesi europei, dettò legge. Come tutto ciò sia potuto accadere? Approfondite l’argomento.

    2) Quando il Comitato Olimpico Internazionale accettò la candidatura di Berlino per le Olimpiadi, il Comitato Olimpico Statunitense si divise tra chi sosteneva la necessità di rifiutare la partecipazione degli atleti a Berlino e chi, al contrario, era convinto (Avery Brundage, ad esempio, membro del comitato e uno dei più grandi costruttori, in quel periodo, sul suolo americano) fosse necessario andare in Germania per umiliare I tedeschi con la bravura dei propri atleti. Si andò ai voti e Brundage vinse ma…con quale differenza?

    3) Mentre il Comitato decideva ci furono scontri nelle città americane. Perchè? Il popolo statunitense voleva o no partecipare alle Olimpiadi di Berlino?

    4) Brundage divenne, anche se non molto volentieri, il capo della deputazione americana, nel 1936, in Germania. Perchè prima dei giochi, egli andò a Berlino dove incontrò Leni Riefenstahl, la regista, beniamina di Hitler, cui il dittatore aveva dato l’incarico di riprendere i Giochi (1) e Joseph Goebbels, ministro nazista della propaganza che fece a Brundage una proposta che egli accettò e di cui il tedesco poi si servì per… Effettuate ricerche in merito.

    ___________________

    (1) Il documentario sulle Olimpiadi di Berlino della Riefenstahl è ancora oggi considerato un capolavoro assoluto.

     

     

     

    5) Alla fine della guerra, Brundage venne processato e venne assolto da ogni accusa di collaborazionismo con il regime nazista. Però durante i giochi egli (ed è storia) fu costretto a prendere una decisione che certamente non dimenticò più. Quale?

    6) Già dal 1935, il protagonista del film, Jesse Owens, esordì nello sport agonistico stabilendo in quattro specialità differenti, quattro record del mondo. Quali?

    7) Nonostante Jesse appartenesse a una famiglia modestissima riuscì ad avere una borsa di studio per la Ohio State University. La ebbe in ragione del fatto che brillava negli studi o perchè eccelleva nello sport? Possibile che nelle Università americane, ancora oggi, sono ammessi studenti con borse di studio solo per eventuali meriti sportivi?

    8) Larry Snyder che divenne suo amico e suo allenatore, alle Olimpiadi del 1924, avrebbe dovuto partecipare per gli Stati Uniti alla staffetta 4x100. Quale fatto glielo impedì?

    9) Nel 1936 Owens venne scelto, per partecipare alle Olimpiadi di Berlino in tre specialità. Quali?

    10) Snyder lo accompagnò. Perchè non ufficialmente?

    11) Alla fine dei giochi berlinesi, Jesse ebbe non tre ma quattro medaglie d’oro. Perchè? Cos’era accaduto? 

    12) Nella gara per i 200 metri salto in lungo, Owens si trovò come avversario il campione tedesco Carl Luz Long con cui diventò amico: è necessario per superare la suddetta gara fare tre prove ma Jesse, già con le prime due, aveva superato Carl. Perchè allora il tedesco gli chiese di fare anche l’ultimo salto e Jesse accettò?

    13) Carl, abbracciato a Jesse, fece con lui il giro d’onore nello stadio. Si rese conto che il partito nazista al potere gliela avrebbe fatta pagare? E infatti così avvenne. Come?

    14) Jesse aveva già vinto le “sue” tre  medaglie d’oro, quando Brundage venne ricattato da Goebbels perchè nella staffetta 4x100 c’erano due ragazzi… Nel 1935 erano state promulgate in Germania le leggi dette di Norimberga contro il popolo ebraico. Hanno a che fare queste leggi naziste con la quarta inaspettata medaglia vinta da Owens?

    15) Tornato negli Stati Uniti, Jesse venne accolto dal popolo come un trionfatore ma non dai governanti. Roosevelt, allora in campagna elettorale, si rifiutò di riceverlo. Perchè?

    - Perchè in un periodo storico in cui le differenze sociali in USA tra bianchi e neri erano socialmente marcate, esaltare la figura di Owens avrebbe dato più forza alla ghettizzata popolazione di colore?

    - Perchè, in campagna elettorale, Roosevelt contava sull’elettorato bianco di medio e alto livello che, probabilmente, non avrebbe gradito un’entrata in massa a suo favore del popolo dei neri?

    16) Jesse era un eroe ma, nonostante questo, dovette patire tante umiliazioni come quando Hitler dopo ogni vittoria si alzò e se ne andò dalla tribuna d’onore rifiutandosi di stringergli la mano. Owens ha sempre sostenuto che il dittatore, prima di andarsene una volta gli fece un gesto di saluto. A parte che ciò non è stato notato da alcuno perchè per Owens quel piccolo gesto, se vero, fu sufficiente? E se non era vero perchè Owens nelle sue memorie ha mentito?

    17) Solo dopo molti anni (1976) un Presidente degli Stati Uniti, Gerald Ford, ricevette Owens alla Casa Bianca. Perchè dovette passare tanto tempo dalla vittoria di Berlino? Ha contato oppure no per lunghi anni il fatto che l’atleta fosse di colore?

    18) Che significato date a una delle ultime scene del film, quando, a una cena in suo onore, viene vietato a Owens e a sua moglie l’ingresso principale e sono costretti ad attraversare la cucina, tra lo stupore di tutti, per arrivare all’ascensore di servizio, dove un giovanissimo lift di carnagione bianca gli chiede, emozionatissimo, un autografo? 

     

Letto 5915 volte

Video

Altro in questa categoria: « Remember The Revenant »

Indice dei Film

I Più Visti negli ultimi 6 mesi

A un metro da te (23 Apr 2019)
Il primo Re (23 Apr 2019)
Remi (23 Apr 2019)