I ricordi del fiume In evidenza

Informazioni aggiuntive

  • Sinossi:

     

    I ricordi del fiumedi Gianluca e Massimiliano De Serio è un film documentario sulPlatz,una delle più grandi baraccopoli d’Europa in cui vivevano oltre mille persone di diverse nazionalità, situata sugli argini del fiume Stura a Torino. 

     

    Quel dedalo di legno e lamiere, baracche, chiese, continua a vivere nel documentario, dopo che il percorso di sgombero avrà cancellato l’intera baraccopoli.

     

    Il Platz, una delle baraccopoli più grandi d’Europa, sorge lungo gli argini del fiume Stura a Torino da tanti anni.

    Un progetto di smantellamento si abbatte sulla comunità di più di mille persone che lo abita. In una labirintica immersione, I ricordi del fiume ritrae gli ultimi mesi di esistenza del Platz, tra lacerazioni, drammi, speranze, vita.

     

  • Genere: documentaristico
  • Regia: Gianluca e Massimiliano De Serio
  • Titolo Originale: I ricordi del fiume
  • Distribuzione: La Sarrax Pictures
  • Produzione: La Sarraz Pictures con Rai Cinema
  • Data di uscita al cinema: 21 aprile 2016
  • Durata: 96’
  • Sceneggiatura: Gianluca e Massimiliano De Serio
  • Direttore della Fotografia: Gianluca e Massimiliano De Serio
  • Montaggio: Stefano Cravero
  • Destinatari: Scuole Secondarie di I grado, Scuole Secondarie di II grado
  • Approfondimenti:

     

    Festival

    I ricordi del Fiume di Gianluca e Massimiliano De Serio, nella sua versione da 140’, è stato presentato alla 72ma Mostra d’arte Cinematografica di Venezia nella sezione Fuori Concorso e in altre manifestazioni cinematografiche. Dopo queste anteprime i registi hanno deciso di realizzare una nuova versione di 96’. Questa versione ha avuto la sua anteprima nazionale al Trieste Film Festival e avrà il suo esordio internazionale alla 22ma edizione del prestigiosissimo Festival svizzero Visions du Réel- Selezione Ufficiale Concorso Internazionale (15-23 aprile 2016).

     

    2016 Visions Du Réel - Compétition Internationale Longs Métrage

    2016Piemonte Movie GLocal Film Festival

    2016AstraDoc

    2016De Rome À Paris

    2016 Trieste Film Festival -

    2015DocSS - Festival Internazionale Del Cinema Urbano

    2015This Human World

    2015Venice In Seoul

    2015Mostra Internazionale D'Arte Cinematografica Di Venezia

     

    Note di regia

    Nel Platz, la baraccopoli protagonista de “I ricordi del fiume”, avevamo ambientato alcune scene del nostro film di finzione "Sette opere di misericordia", e in un altro luogo avevamo ricostruito parte del Platz cercando di astrarlo, di renderlo più "universale" e simbolico. 

     

    Con il passare degli anni abbiamo visto il Platz crescere, a poche centinaia di metri da casa nostra, dietro la fitta boscaglia che lo separava dalla strada, dalla città. Stretta tra il fiume Stura e, dall’altra parte della strada, il gigantesco complesso industriale della Fiat Iveco, la baraccopoli si stende per circa due kilometri nascosta da collinette di rifiuti, arbusti e piante. Questa porzione di città invisibile è il nucleo del racconto, che poi s’irradia, a seguire di volta in volta i percorsi quotidiani delle persone che affollavano la baraccopoli, lungo la strada tagliata dal continuo passaggio delle automobili.

     

    Per noi, entrare dentro, conoscere le persone che lo abitavano, voleva dire filmarle. E viceversa: filmare era come conoscerle. Ma questa volta filmare il vero, o almeno quello che a noi si offriva.

     

    Quando abbiamo saputo dell’avvio del processo di smantellamento del Platz abbiamo deciso di addentrarci nel quotidiano dell’ultimo anno e mezzo di vita di questo labirinto di baracche.

     

    Nel percorso di conoscenza e di riprese, abbiamo compreso che non si trattava tanto di documentarne la cronaca, quanto piuttosto di raccoglierne i ricordi e salvarne le impressioni come in un impossibile atto di resistenza, di trattenimento delle immagini, della dignità, delle parole e dei gesti.

     

    Mano a mano che diventava anche il nostro luogo, e che al contempo si svuotava, si distruggeva e moriva, abbiamo innanzitutto trovato persone. Anziani, giovani e bambini. Famiglie in una continua lotta per la sopravvivenza. Abbiamo trovato tanta vita, e tanta morte. Nel corso di un anno e mezzo di riprese, sono molte le persone che sono morte, come Gabo e Petru. E tanti i neonati venuti alla luce: il ciclo della vita, nel passare delle stagioni, era per noi raccolto, racchiuso in quell'intrico di baracche costruite una sull'altra su più livelli fino al loro degradare verso il fiume. 

     

    La prima volta in cui siamo entrati, con camera e microfono, è stata una notte di febbraio. Subito ci hanno accolto i ragazzi, più o meno nostri coetanei, in qualche modo già incrociati nel quartiere in cui viviamo anche noi. Era forse la prima volta che qualche non abitante del Platz vi entrava di notte. E da quel momento non abbiamo smesso di filmare, di vivere, con loro. Molti abitanti, ormai ex abitanti del Platz, sono rimasti amici. Spesso li incontriamo per caso, per strada tra i bidoni alla ricerca di oggetti e rifiuti da rivendere al mercato, oppure al mercato stesso: ogni weekend sono i primi ad arrivare nelle varie piazzole e i primi ad andare via quando ormai gli affari più grossi sono terminati, in tarda mattinata. Spesso andiamo a trovarli agli angoli dove mendicano, o nelle loro nuove case, dove hanno ricreato, in moderni monolocali tutti uguali, le dinamiche e la vita del Platz, seppure con le dovute differenze, non sempre positive.

     

    La maggior parte delle famiglie che abitavano il Platz provengono da tre zone della Romania: Bacau e i villaggi attorno, Hunedoara e la sua regione di vecchie miniere ormai dismesse, e il Caras Severin. Parte del nostro lavoro di realizzazione de I ricordi del fiume si è svolto in quest'ultima regione, il Caras Severin. Nelle scelte di montaggio, alla fine nessuna immagine girata in Romania è rientrata nel film, a malincuore. Ma restano vivi in noi gli incontri "nell'al di là" romeno: i villaggi di Greoni, Oravita, Gradinari, puntellati di case un po' più confortevoli delle baracche torinesi, ma in altrettanta se non peggiore situazione di povertà e precarietà della vita. Minimi i mezzi di sussistenza, spesso basati sul poco racimolato in Italia. Nulla da coltivare, nulla da comprare o vendere, nulla da mendicare. Per loro la vita vera è qua, a Torino. E il Caras è un angolo che parla italiano. Una sera, stavamo bevendo una birra al caldo di un bar, nella periferia di Oravita, per riposarci dalla giornata di riprese. Mentre parlavamo, in italiano, tre ragazzi più o meno coetanei ci hanno chiesto se venivamo da Torino. Loro erano là per "vacanza", in visita ai vecchi. Ma la loro vita era a Torino, al Platz o in altre situazioni abitative altrettanto provvisorie, un altro campo.

     

    Tra coloro che abbiamo deciso di filmare per diversi mesi, un po' per maggiore disponibilità, un po' per naturale corso della vita, per gli incroci quotidiani o per il caso, ci sono alcuni che sono stati rimpatriati e ora sono nei loro villaggi di origine, ma forse sono già ripartiti: tornati in Italia, magari non più a Torino. Come Ion, che nel film ha solo una scena, ma di cui abbiamo ore e ore di girato. In Romania non c'era più, lo abbiamo trovato nella periferia di Milano, in uno stabile occupato da famiglie Rom, romeni poveri e italiani in rovina. Siamo andati con la camera, volevamo filmarlo: alla fine lo abbiamo solo abbracciato. La revedere, ci siamo detti sorridendo, un po' tristi tutti. 

     

    Non siamo diventati invisibili. Questo non si può dire. Semplicemente c'è stato uno scambio: fare questo film, per noi (come del resto fare qualunque documentario), voleva dire trattenere i ricordi, dare un'opportunità in più alla vita di essere ricordata. Voleva dire presentare un luogo vittima di pregiudizi come è nella realtà, o almeno più vicino alla sua realtà, rispetto all'immagine stereotipata dei giornali, dei politici in continua propaganda. 

     

    Questo luogo simbolico e cruciale delle nostre periferie, ora destinato a dissolversi nel nulla, di volta in volta è stato il capro espiratorio delle nostre mancanze, o carne pronta per il macello delle campagne elettorali, per inutili e dannosi interventi “di emergenza”. 

     

    Il cinema può andare oltre questa immagine comune, viziata dai vari opportunismi. Il cinema documentario, grazie alla costanza, alla presenza, alla vita, alla compassione, può davvero riscattare l'immagine degli ultimi. Anche solo per il fatto che ha l'ambizione, quando riesce a restituirne la dignità, di raccontarne la vita con sguardo libero e vicino. Filmare il Platz per noi è stato un tentativo di andare in questa direzione. 

     

    Con il passare delle stagioni, ai nostri occhi il Platz si faceva sempre più metafora dell’esistenza stessa, della sua caducità e della sua bellezza. 

     

    La raccolta di questa specie di found footage di vite è un insieme di specchi frammentati e sospesi che lottano insieme per ricostruire questa comunità invisibile. 

     

    Il film è costruito come un accumulo di “ricordi”. Nel labirinto dalle strane e sghembe asimmetrie, nelle drammatiche fughe prospettiche create per caso dalle costruzioni fai-da-te, si affacciano e si aprono mondi, volti, storie potenzialmente infinite. Parole, suoni, televisori, grida di bambini e confessioni intime, sussurrate.

     

    Il documentario vuole essere questo racconto epico e intimo, violento per la natura stessa del soggetto (un luogo in via di sparizione) e dolce e affettuoso per la confidenza che, piano piano, abbiamo creato con i ragazzi e le famiglie incontrate.

     

    Teso tra la nostalgia, l’incertezza e la paura del futuro, I ricordi del fiume è anche un ritratto che gli stessi abitanti faranno di sé, un autoritratto catartico che ha, passo dopo passo, il loro volto e il loro sguardo. 

     

    Il film ha una struttura “rizomica”: una rete intrecciata di vie, in cui ogni punto è connesso ad altri, dove si possono costantemente creare nuove linee di fuga, nuovi punti di tangenza d’identità e di storie. 

     

    Al centro del tessuto iconografico e narrativo è la casa, come focolare e “fuoco” del guardare, del senso di avere e perdere del quotidiano, del vicinato. E poi ci sono madri, figli, amori giovani e vecchi, ascolti, pettegolezzi e voci, protezioni e pericoli, legami e affetti, preghiere. 

     

    Si è tentato di raggiungere una “profondità di campo”, sonora e visiva, di volta in volta claustrofobica e infinita, dal microcosmo della baracca agli squarci di prospettiva che danno sulla città, lontana, al di là del fiume e coronata dalle montagne e dalla riconoscibile collina di Superga.

     

    Il film scorre attraverso i volti, sdentati e segnati da rughe, sporchi e bellissimi, alle nature morte che prendono forma proprio fuori (dal) campo, tra le macerie e i rifiuti, nell’ordine sghembo ma affettuoso delle case. Da questa sorta di horror vacui che ci ha accolto fin dal primo sopralluogo, si arriva imprescindibilmente alla “vacuità”, al vuoto della baraccopoli rasa al suolo, al deserto del terreno sgomberato, appiattito, strappato.

     

    L'immersione nella vita del campo, delle sue famiglie, dei suoi oggetti e dettagli, dei suoi gesti e dei suoi sguardi, delle sue preghiere e delle sue risate, non può che registrare la violenza della sua sparizione. Ma lo sguardo dei protagonisti su loro stessi e sul Platz ci sorprende con un atteggiamento ludico e ironico: il Platz è una palla che si illumina di colori a intermittenza, nel buio; è una piccola morale impartita da un bambino a un adulto uscito da poco dalla prigione; è una fiaba raccontata da una trasmissione radio, ascoltata da un vecchio che fa le valigie nel momento in cui le ruspe stanno distruggendo tutte le baracche; è una canzoncina della buonanotte cantata da una giovanissima madre al suo bambino.

     

    Il film viene presentato in una nuova versione da 96’, più breve della versione presentata a Venezia (140’) per la 72° edizione del festival. 

    Rispetto alla precedente versione, questa seconda più breve predilige una maggiore compenetrazione delle varie storie, dei volti e dei vissuti di cui si nutre il materiale narrativo, nell’asse portante del protagonista assoluto del film: il Platz. 

    Abbiamo inoltre deciso di concentrare di più lo sguardo sull’inesorabile passare del tempo e delle stagioni, consapevoli che la vicenda della baraccopoli assuma oggi un valore simbolico, ergendosi a metafora della vita nel suo scorrere verso la fine. 

    Gianluca e Massimiliano De Serio

     

    Guida ai personaggi

     

    ANA e ELENA

    Ana e Elena sono le due "babe", le due "vecchie". Così tutti le chiamavano al Platz. Sono state le prime ad essere trasferite, proprio perché anziane. Non sono rom. Vengono da Ticvaniu Mare. Ana ha una nipote che va all'università, in Romania. L'iscrizione è avvenuta grazie ai soldi che Ana le ha fatto avere, guadagnati con l’elemosina. Ana mendica in via Garibaldi, davanti a un negozio di scarpe. Elena invece, più irriverente e aperta, si reca fino a Venaria per guadagnare un po' di spiccioli. 

     

    SETTIMO e IONELA

    Settimo è siciliano, uno dei più "rispettati" del Platz, forse proprio perché uno dei pochi italiani. Ha una grande cicatrice sul ventre, dovuta a una scarica elettrica folgorante, presa su un traliccio, mentre rubava del rame. Ora Settimo raccatta rame e ferro, fa vari lavori di manutenzione, e soprattutto si prende cura di Ionela. 

    Ionela, rumena di Gradinari, Oravita, fino a qualche mese fa faceva le pulizie in varie case. Ma ora è malata, una forma di epatite che l'ha obbligata a stare a riposo. Settimo l'ha salvata da un marito violento, lei si è innamorata di lui, e insieme sono andati a vivere in una baracca del Platz. Ora, in casa, lui ogni settimana le fa un'iniezione.

     

    FLORENTINA e sua nonna MARIA

    Florentina ha 14 anni, è tra le prime della classe, ha voti altissimi e parla bene tre lingue: romeno, italiano e romanì. A scuola ha imparato i canti partigiani, e cantandoli ai suoi cuginetti li fa addormentare in baracca. Sua nonna è Maria, una donna molto forte, vedova da anni e vera reggente della famiglia. Sotto di lei, 4 nipoti, una figlia e due figli, un genero e una sorella. Florentina è innamorata, così dice, di Denis.

     

    DENIS

    Quindicenne dall'aria adulta, ma un po' sperduta, Denis viene da una famiglia di musicisti di grande qualità, i Barbosu. Va a scuola, ora vive non più al Platz, ma a San Mauro. Ascolta musica manele, una specie di incrocio tra Oriente e Romania, in chiave pop e dance. 

     

    PETRU e ANA MARIA

    Anziani, sposati da una vita. Petru è morto da un po' di mesi, Ana Maria ha l'aria triste tutto il giorno, nel suo angolo di elemosina in centro. 

     

    MARCEL

    È il pastore pentecostale di una delle due chiese che c'erano, da anni, al Platz. Grande oratore, ha saputo tenere attorno a sé la comunità molto folta di credenti che abitavano la baraccopoli e che ogni settimana, per tre sere, partecipavano alle sue messe. Ora cerca una nuova sede per la sua chiesa. 

     

    OANA

    Mediatrice culturale, operatrice nel progetto di spostamento delle famiglie dal Platz alle case, vero punto di riferimento di molte persone della baraccopoli. Conosce da anni tutti al Platz, è rumena, 4 giorni a settimana lavora come mediatrice al Platz e in altri campi, ha istituito come volontaria uno sportello d'ascolto per le donne rumene che vivono a Torino, e che hanno bisogno di aiuto, orientamento, sostegno. Spesso vittima di fuochi incrociati tra famiglie e capi del progetto di spostamento, il suo ruolo è stato difficile, sovente incompreso dalle famiglie stesse. Ma è voluta bene da molti rom e romeni che vedono in lei qualcuno di cui fidarsi e a cui affidarsi.

     

    ANUSH

    Sorella di Maria, zia di Florentina, non ha ancora ricevuto casa e vive tuttora al Platz, insieme a poche altre famiglie. Il marito è stato in prigione per furto di benzina, ha una bimba di due anni e ha dovuto rinunciare a fare l'elemosina davanti al supermercato che le rendeva di più, perché i residenti hanno tentato di denunciarla più volte. Si è spostata a due passi dal Platz, dove gli "affari" sono esigui. 

     

    MIHAI

    Parla perfettamente inglese, è stato in prigione per furto di auto e bancomat, in Romania. Uscito, è arrivato al Platz nel momento di maggiore caos, a progetto di spostamento già iniziato. Ha una figlia di cinque anni. Ha una sua visione del mondo e della vita molto sicura di sé, molto positiva.

     

    CRISTI

    È un ragazzo molto maturo per avere nove anni, il suo più grande desiderio è tornare a scuola, in Italia. L'aveva abbandonata quando suo padre e la famiglia erano tornati per alcuni mesi in Romania. Al suo ritorno, non è riuscito ad entrare nella scuola dove vanno i suoi amici del Platz. Ha un fratello più piccolo, Josi, a cui pensa continuamente. Quando lo incontra, lo bacia sulla fronte. Lo protegge sempre, gli insegna a lottare, a tirare i pugni sul polistirolo di una baracca abbandonata. Un giorno potrebbero servire, dice.  

     

    JOSEPH e VIORIKA

    Pentecostali rumeni, rom, di origine ungherese, animano la piccola comunità di lingua ungherese del Platz. Lo scorso inverno, di ritorno da un viaggio in Romania, non hanno più trovato la baracca. Hanno dormito in piazza Carlo Felice per alcune settimane, poi di nuovo in una baracca al Platz. Ancora nessuna casa per loro in Italia.

     

    MARIANA e SABINA

    Nuora e suocera. Mariana, 17 anni, ha una bambina di sette mesi ed è di nuovo incinta. Tutta la famiglia del marito, capeggiata dalla madre Sabina, è stata rimpatriata: ora si trovano tutti in un piccolo appartamento di Bacau.

     

    FLORIAN e PETRU

    Ex minatori, amici, vicini di baracca qui in Italia, vicini di villaggio nella zona di Hundoara, a est di Timisoara. Hanno partecipato allo storico sciopero capeggiato da Miron Cozma, negli anni Novanta. Sono poi dovuti fuggire all'estero. Florian è arrivato in Portogallo, dove ha lavorato come saldatore a Lisbona. Dopo due anni, ha raggiunto alcuni compaesani al Platz, ha costruito una baracca e ha vissuto per 4 anni di "gobele", bidoni. Raccolta, cernita e pulizia dei rifiuti, poi rivenduti con grande abilità al mercato della domenica mattina.

    Per Petru, invece, c'è stata prima la Spagna, dove è sepolta la moglie. Poi Torino. 

     

    Note di produzione

    I Ricordi del Fiume sigla la quarta opera prodotta da La Sarraz per la regia di Gianluca e Massimiliano De Serio, un sodalizio che, iniziato nel 2006 ai tempi de L'Esame di Xhodi prosegue con importanti frutti; nel 2010 abbiamo prodotto il loro Bakroman (Miglior Doc al Torino Film Festival) e nel 2011 il loro film di debutto, Sette Opere di Misericordia, presentato a Locarno, selezionato in circa 80 festival e premiato in almeno 30 di essi. La produzione de I Ricordi del Fiume, che inizia il suo percorso a Venezia, è frutto di una importante sinergia produttiva che vede Rai Cinema come nostro co-produttore, il contributo del Mibact e il supporto del Piemonte Doc Film Fund.

    La Sarraz Pictures pur concentrando in questi ultimi anni le sue energie sulla produzione e lo sviluppo di Opere a soggetto per il cinema, con I Ricordi Del Fiume, riscopre quella che é stata la sua prima vocazione, ossia produrre documentari di creazione per il cinema di portata internazionale, condividendo un'altra importante tappa nel suo percorso di crescita e di creatività con gli Autori con i quali ha prodotto e sviluppato più titoli.

     

    I registi GIANLUCA E MASSIMILIANO DE SERIO

    Torino, 1978. Gemelli, lavorano insieme dal 1999. Negli anni hanno prodotto vari film brevi e documentari che hanno partecipato ai più importanti festival di cinema nazionali e internazionali, aggiudicandosi numerosi premi. Hanno esordito nel lungometraggio per il cinema con Sette opere di misericordia nel 2011, presentato in anteprima nel concorso internazionale del Festival del Film di Locarno e nominato per il Nastro d’Argento per miglior film d’esordio, per miglior suono e per il miglior attore protagonista.

    Protagonisti dei lavori dei De Serio sono identità sradicate, alle prese con una continua ridefinizione di sé, o identità collettive, inedite e interstiziali, in un percorso ibrido tra messa in scena, memoria e performance, dove il lavoro filmico diventa luogo di scambio e strumento per emergere dall’invisibilità. 

     

    La Sarraz Pictures

    La Sarraz Pictures è una società di produzione cinematografica fondata a Torino, nel 2004, da Alessandro Borrelli. Nei suoi primi undici anni di attività ha prodotto due film, circa quindici documentari e cinque web platform, tutti presentati e spesso premiati nei più prestigiosi festival internazionali, poi distribuiti oltre che in Italia in molti territori internazionali. 

    La Sarraz Pictures è riconosciuta a livello internazionale come società di produzione di “cinema di qualità”, fa parte del network ACE e Producers On The Move, grazie ai numerosi premi e riconoscimenti ottenuti con le Opere di cinema e documentario creativo realizzate sin dalla sua fondazione.

    Ha lavorato con Autori come Gianluca e Massimiliano De Serio, Sergio Basso, Francesca Balbo, Valentina Pedicini, producendo spesso i loro film d'esordio e co-producendo Autori riconosciuti a livello internazionale come Eugène Green.

     

Letto 1444 volte

Video

Altro in questa categoria: « The Revenant Alla ricerca di Dory »

Indice dei Film

I Più Visti negli ultimi 6 mesi

A un metro da te (23 Apr 2019)
Il primo Re (23 Apr 2019)
Remi (23 Apr 2019)