Pipì, Pupù e Rosmarina in Il Mistero delle Note Rapite In evidenza

Informazioni aggiuntive

  • Sinossi:

     

    LA POESIA DI PIPÌ PUPÙ E ROSMARINA

    Qualcuno ha rubato le note musicali della partitura composta dal Mapà per il Grande Concerto di Ferragosto.

    Il Narratore, inseparabile voce amica dei tre piccoli ed avventurosi Pipì Pupù e Rosmarina, affida loro il delicato compito di scoprire il colpevole dello scellerato furto e di recuperare dunque la musica, senza la quale non potrà essere eseguito il tanto atteso Concerto di Ferragosto.

    E questo sarebbe un vero dramma per gli animali che abitano nel Bosco!

    I nostri tre impavidi amici non hanno indizi, sanno però una cosa molto importante: le note hanno vita propria e sono attirate dalla musica.

    E cosa escogiteranno per far sì che tutta la partitura del concerto di ferragosto si ricomponga come per magia?

     

    Decidono di rappresentare tre grandi opere classiche con l’aiuto degli animali del bosco, nella speranza di veder arrivare le note tutte insieme, svelando così il grande Mistero del loro rapimento.

     

  • Genere: animazione
  • Regia: Enzo D’Alò
  • Titolo Originale: Pipì, Pupù e Rosmarina in Il Mistero delle Note Rapite
  • Distribuzione: Bolero film
  • Produzione: Aliante, Paul Thilges Distribution, Millimages in coll. Rai Fiction
  • Data di uscita al cinema: 16 novembre 2017
  • Durata: 82’
  • Sceneggiatura: Enzo D’alò
  • Attori: con le voci di Giancarlo Giannini, Francesco Pannofino, Lucrezia Roma, Agnese Marteddu
  • Destinatari: Scuole Primarie
  • Approfondimenti:

     

    NOTE DI REGIA

    Raccontare con il cinema di animazione è una grande sfida. 

    Si possono comunicare con leggerezza e poesia, con sincerità e goliardia, messaggi universali e profondi che altrimenti non potrebbero essere facilmente accolti da un pubblico infantile.

    Pipì, Pupù e Rosmarina, già noti al pubblico poiché protagonisti della  fortunata serie TV a loro dedicata, appassionano da sempre i più piccoli con storie stralunate, picaresche e surreali, attraverso un sottotesto che può comunicare loro una filosofia per minuscole, grandi anime, riuscendo a conquistarne il loro cuore.

    Ho dunque pensato che fosse giunto il momento di trasferire sul grande schermo le loro tematiche, attraverso una storia solare, colorata, divertente che avesse, come le altre, un intreccio semplice per poter essere seguito anche, ma non solo, dai bambini più piccini.

    Mi è sembrato interessante farlo attraverso la musica classica, adattandola a un gusto infantile, in chiave parodica, per avvicinare i bambini alle grandi opere.

    Nel film ci si immergerà in modo giocoso e scanzonato, come i tre piccoli protagonisti, in tre opere classiche molto conosciute e amate, come “L’Italiana in Algeri” di Rossini, il “Don Quichotte” di Massenet e “Lo Schiaccianoci” di Tchaikovsky.

    Enzo d’Alò

     

    ANNA LAURA CANTONE - CREAZIONE DEI PERSONAGGI

    Tutto iniziò con una telefonata: dall’altra parte del telefono si presentava l’assistente di Enzo d’Alò che mi chiedeva la disponibilità a una collaborazione. Il mio primo pensiero è stato: uno scherzo!?

    Invece, nel tempo di un sì, mi sono ritrovata in un vortice lavorativo di numerosi anni (mia figlia Greta a novembre festeggia dieci anni, e all’inizio della nostra collaborazione, non era ancora nata!) che ci ha condotto, come desideravamo fin dall’inizio, a realizzare questo film dedicato ai bambini!

    Anni di euforia, entusiasmo, con fatica, notti in bianco e tantissimo impegno.

    Mi sono da subito sentita in grande sintonia con Enzo e tutti i suoi collaboratori, che trasformavano, ognuno con le proprie competenze, i personaggi disegnati da me per dar loro vita e azioni in questo caleidoscopico e surreale mondo di Pipì Pupù e Rosmarina. Voglio ringraziarli tutti.

    E’ stata una vera sfida con me stessa, poiché fino ad allora disprezzavo e ignoravo l’utilizzo del computer. Invece ho imparato moltissimo: sono passata dall’utilizzo di carta e pennelli, al lavoro in digitale, sempre cercando di mantenere la matericità che contraddistingue il mio segno utilizzando costantemente scampoli di tessuti, piccoli ritagli di carte colorate e foto di elementi che poi ho trasferito in digitale.

    La creazione dei personaggi è stato un lungo lavoro di cesello per donare a ognuno le proprie caratteristiche e poi uniformarlo al contesto: i nostri tre protagonisti hanno età differenti e caratteri differenti: ricordo ancora lo studio di Rosmarina… una volta aveva le orecchie troppo lunghe, un’altra le gambe troppo corte, oppure la sua espressione non era giovanile e ironica come voleva il regista, fino a che… l’abbiamo trovata!

    Il supporto di Enzo è stato fondamentale, con la sua esperienza mi ha aiutato a trovare il giusto carattere di Pipì Pupù e Rosmarina e degli altri animaletti.

    La caratteristica di tutti questi personaggi è che hanno dei nasoni enormi! Gli occhi sono sgranati e sempre pronti alla sorpresa!

    Ho realizzato i loro vestiti collezionando piccoli pezzetti di tessuto, sovrapponendoli a colori, colori molto accesi!

    Amo i colori vibranti e contrastati, così tutto assume una connotazione “barocca".

    Oggi lavorare in digitale è diventato un gioco da ragazzi, ma all’epoca usavo il computer solo per le email, non pensavo potesse essere uno strumento con il quale creare anche Arte. 

    L’instancabile coppia animatrice della serie, che mi ha accompagnato in questa avventura straordinaria, portandomi fuori da quello che è il mio percorso di illustratrice editoriale e seriale su carta, sono stati Enzo e Maricla. Loro hanno fin da subito creduto nelle mie capacità, Enzo mi ha più volte raccontato di essere stato colpito da un mio personaggio, Zara Zebra, vista alla fiera del libro di Bologna. 

    Il grande Enzo è stato come un padre, sin dal principio mi ha supportato con disponibilità, professionalità e amore per quello che facevo. Mi ha scelto perché ha apprezzato il mio mondo, un mondo di abbondanza e di colore ma che è difficilissimo da personalizzare perché è come un castello di carte, basta spostare qualcosa e crolla tutto! Io con lui, soprattutto grazie alla sua stima, sono cresciuta, ho trovato quella sicurezza che all’epoca del nostro incontro non era ancora matura.

    In questo lavoro ho creduto molto, ma soprattutto mi sono proprio divertita! 

    È stata una vera gioia realizzarlo, anche se le tempeste non sono mancate, è stata una bella passeggiata in buona compagnia, alla ricerca del Mapà!

     

    DANIELE DI GREGORIO - MUSICHE

    Questo film è la realizzazione di un mio grande sogno: scrivere per il cinema.

    In questo mio primo lavoro cinematografico, l'elemento di maggiore orgoglio è stato l’impegno di elaborare l'opera di tre grandi compositori e aggiungervi, poi, le mie musiche originali. 

    Il tutto con la forza della revisione immaginifica del mondo infantile e rivoluzionario dei nostri tre piccoli protagonisti, che sdrammatizza e destruttura l’opera classica per trasformarla in una poetica e divertente nuova visione.

    L'incontro con il grande regista e amico Enzo d'Alò, avvenuto più di trent’anni fa nelle classi di approfondimento al jazz del Maestro Gaslini, era diventato collaborazione, una decina di anni fa, con la serie televisiva Pipi Pupù e Rosmarina.

    In quest’ultimo lavoro, con gli stessi protagonisti in scena, il dialogo creativo è stato sempre molto serrato, appassionato, sincero, alle volte anche "acceso" ma sempre fertile, produttivo e teso al raggiungimento del nostro obiettivo. 

    Enzo è anche un musicista, il nostro dialogo non è stato solo stilistico ma anche tecnico, perciò, ancora più bello e gratificante. Gli anni di produzione sono stati intensi e, per me, una grandissima scuola. Spero che questo " nostro sogno" venga ripagato dagli applausi del "piccolo e grande" pubblico. 

    Grazie Maestro.

     

    GIANLUCA CRISTOFARI - MONTAGGIO

    Il montaggio di un film d’animazione è qualcosa di completamente diverso dal montaggio di un film “tradizionale”.

    Nell’animazione, quindi anche nel caso di Pipì, Pupù e Rosmarina, si inizia dove il film “tradizionale” quasi finisce dal doppiaggio. È da questo e dalle vignette create dagli storyboardisti che tutto prende vita, è in questa fase che si decidono i tempi dei vari personaggi e l’interazione che avranno tra di loro, ed è da qui che parte la magia della creazione di un film d’animazione. 

    Dai primi semplici disegni statici, iniziano ad arrivare al montaggio le prime scene animate, e quello che prima era un insieme d’immagini parlanti, diventa un movimento di personaggi e ambientazioni che d’improvviso invadono lo schermo.

    Ed è grazie a queste prime animazioni che ci si rende conto se le scelte fatte all’inizio della lavorazione sono state giuste oppure se bisogna modificare qualcosa.

    Ma la magia non finisce qui, perché lo scenario cambia ancora. Arrivano le musiche, e con loro le prime animazioni colorate, che una dopo l’altra vanno a comporre il puzzle, dando vita a quello che diventerà il film vero e proprio.

    Questa è la fase più bella di tutta la lavorazione, almeno per quanto riguarda il montaggio, è un po’ come veder crescere un figlio, e dopo mesi e mesi di lavorazione la magia si completa ed è pronta per essere condivisa.

     

    BIOGRAFIA ENZO D’ALÒ

    Regista, Sceneggiatore e Musicista

    Considerato uno dei massimi esponenti europei del cinema d’animazione, è tra i pochi autori europei a poter vantare nel proprio curriculum sei lungometraggi d’animazione, usciti con successo nelle sale di tutto il mondo.

    Nei ritagli di tempo suona il sassofono e il flauto traverso. La sua preparazione musicale gli consente di curare in modo particolare le colonne sonore dei suoi film.

    Dal 1983 è autore e regista di film in animazione con i quali ha vinto numerosi e prestigiosi premi nei Festival di tutto il mondo, conquistando un largo consenso di pubblico. 

    Nel 2009 ha ricevuto una Menzione speciale UNICEF “per aver coniugato la sua arte con i diritti dei bambini ed aver saputo valorizzare le opportunità racchiuse nelle differenze, comunicando il valore e la ricchezza del confronto, e incitando i ragazzi ad essere protagonisti delle loro vite”. 

    Nel 2010 è stato uno dei 50 ospiti d’onore (le 50 personalità eccellenti del cinema d’animazione mondiale) in occasione dei 50 anni di Annecy 2010, il più importante Festival di Cinema d’Animazione.

    Il 6 settembre 2013, durante la 70° edizione del Festival di Venezia, ha ricevuto il prestigioso premio Franco Bianchi, conferito dal Sindacato Critici e Giornalisti Italiani.

     

    Cinema

    Nel cinema ha esordito alla regia nel 1996, anno d'uscita del cartone animato “La Freccia Azzurra”, vincitore di due Nastri d'Argento e un David di Donatello per le musiche composte da Paolo Conte, oltre  ad un Oscar Home Video.

    Nel 1998 ha firmato “La Gabbianella e il Gatto”, con le musiche di David Rhodes della Real Word di Peter Gabriel. Record di incassi nelle sale italiane con oltre un milione e mezzo di spettatori e circa undici milioni di euro d'incasso, successo ottenuto poi anche i molti altri paesi come la Francia e la Spagna, il film è vincitore fra l'altro di un Nastro d'Argento e del Premio del Pubblico al Festival di Montreal del 1999.

    A Natale del 2001 firma il suo terzo lungometraggio “Momo alla conquista del tempo”, tratto dall'omonimo racconto di Michael Ende, con le musiche di Gianna Nannini.

    Nel 2003 esce in sala “Opopomoz”, film d’animazione dedicato a Napoli, sua città natale, e alla magia del Presepe, con la colonna sonora firmata da Pino Daniele e da Gegé Telesforo, per la canzone dei titoli di coda ‘Opopomoz Blues’, interpretata da Dee Dee Bridgewater.

    Nell’agosto 2012 presenta alle Giornate degli Autori (69° edizione del Festival del Cinema di Venezia) il suo “Pinocchio”, una realizzazione accurata e personale del celebre romanzo di Collodi, con i disegni di Lorenzo Mattotti e le musiche di Lucio Dalla. Il film viene in seguito presentato nei Festival Internazionali di Busan (Corea del Sud), Abu Dhabi (Emirati Arabi), e numerosi altri, dove viene applaudito dal pubblico e dalla critica. Il Pinocchio ottiene nel dicembre 2013 la nomination ai prestigiosi EFA Awards, Oscar del cinema europei.

     

    Televisione

    2008-2015

    Pipì Pupù e Rosmarina

    Enzo d’Alò torna a dirigere una serie per la Tv.

    Nata da una sua idea, con i soggetti originali che portano la sua firma e con la sceneggiatura del famoso sceneggiatore italiano Vincenzo Cerami. 

    Tra i grandi nomi coinvolti spicca Giancarlo Giannini, a cui è affidato il ruolo del Narratore. Le illustrazioni e gli ambienti sono di Annalaura Cantone, le musiche di Daniele di Gregorio.

    La serie è prodotta da Cometafilm, dalle lussemburghesi PTD e Juliette Films, e dalla francese Millimages, che la distribuisce nel mondo, oltre che con la partecipazione di Rai Fiction.

    Selezionata tra gli altri al “Chicago International Children's Festival 2010”, “Annecy International Film Festival” 2008, selezionata al quarto posto nella Top Five (su oltre trecento serie animate) delle serie TV più viste e apprezzate del festival.

    La serie, per bambini di età prescolare, comprende 78 episodi di 7 minuti ciascuno e quattro speciali di 22 minuti sulla musica lirica.

    Tra i suoi lavori di regia per la televisione sono da ricordare 'Kamillo Kromo' di Tullio Altan (1993), il video musicale '900' di Paolo Conte (1992) e 26 episodi della serie “Le Nuove Avventure della Pimpa” (1997), di Altan, per la Quipos.

     

    Libri

    Nel settembre 2008 è uscito un libro, “Il Principe della Città di Sabbia” edito da Mondadori, nato da un suo soggetto per un lungometraggio d’animazione ancora in fase di elaborazione e scritto da lui con Gaston Kaboré e Pierdomenico Baccalario. Il libro è tradotto e distribuito in tedesco, turco e spagnolo.

    In ottobre 2012 esce per la Rizzoli il libro illustrato del film “Pinocchio”, dove Enzo d’Alò riscrive il testo di Collodi.

     

    BIOGRAFIA ANNALAURA CANTONE

    Autrice e Illustratrice

    Anna Laura Cantone nasce ad Alessandria nel 1977.

    Riceve il diploma di laurea in illustrazione di libri per bambini nel 1999 all’Istituto Europeo di Design di Milano, dove oggi insegna illustrazione per l’infanzia.

    Comincia subito a collaborare con riviste di settore passando in pochissimo tempo a lavorare per editori italiani e stranieri.

    All’attività di illustratrice affianca quella espositiva collaborando con gallerie italiane e straniere, creando sculture, quadri e installazioni.

    Ad oggi sono numerose le sue pubblicazioni tradotte in varie lingue, ha all’attivo numerosi riconoscimenti nazionali ed internazionali tra cui il Premio Andersen 2003, la selezione alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna 2002-2004-2005, alla Biennale di Bratislava 2003, selezione all'American Society of illustration NY e alla Fiera TIBE 2004 di Taipei a Taiwan.

    Dal 2008 inizia una collaborazione con Rai, Cometafilm e PTD per la realizzazione di “Pipì, Pupù e Rosmarina”, serie di 78 episodi animati trasmessi dalla Rai e dai principali network televisivi, come creazione dei personaggi e delle scenografie.

     

    BIOGRAFIA DANIELE DI GREGORIO

    Compositore e Musicista

    Nato ad Urbino il 21.08.1962, studia Musica al Conservatorio "G. Rossini" di Pesaro, e sotto la guida del Maestro Michele Jannaccone, si diploma giovanissimo in "Strumenti a Percussione" col massimo dei voti e la lode. Si specializza in Marimba e Vibrafono, diventando uno tra i più grandi esperti a livello internazionale.

    Nel 1979 intraprende gli studi di improvvisazione con il maestro Giorgio Gaslini. Presto da allievo diventerà collaboratore, suonando con le diverse formazioni Gasliniane, Solar Big Band, Ottetto, Duo, Globo Quartet, Trio, in Italia e all'estero: Ungheria, Giordania, Francia, Germania, Belgio, Olanda, Turchia, U.S.A.

    Nel 1985 e 1986, studia tecnica e improvvisazione con GARY BURTON ai corsi di Umbria Jazz, vincendo la borsa di studio per la "BERKLEE SCHOOL" di BOSTON, che gli verrà consegnata dal grande compositore ASTOR PIAZZOLLA.

    Studia Composizione con LUIGI ABBATE, Arrangiamento e Orchestrazione con GIORGIO GASLINI . 

    Ha suonato e collaborato con musicisti di varie estrazioni musicali: GARY BURTON, MILT JAKSON, RANDY BRECKER, ED SAINDON, ERIC MARIENTHAL, TOMMY CAMBPEL, TULLIO DE PISCOPO, TONY SCOTT, J. HELBURG, GIORGIO GASLINI, ENGHEL GUALDI, CATERINA CASELLI, DAVID FOSTER, GIULIANO SANGIORGI, MALIKA, SAMUELE BERSANI, GIANNI MORANDI, PAOLA CORTELLESI, ANDREA BOCELLI, JOVANOTTI, MINA, FABIO CONCATO, MIGUEL BOSÈ, ENZO IANNACCI, RON, RENATO ZERO, GIANNI e MARCELLA BELLA, ROSSANA CASALE, LUCIO DALLA, STADIO, LUISA GUDO, TANITA TIKARAM, CARMEN CONSOLI, ANTONELLA RUGGIERO, AVION TRAVEL, GLORIA GAINOR, GIANLUIGI TROVESI, FRANCO INTRA, FRANCO e STEFANO CERRI, BRUNO TOMMASO, GIANNI BEDORI, GIAMPIERO PRINA, GIULIO CAPIOZZO, ed infine il grande poeta e compositore PAOLO CONTE, con il quale stringe una collaborazione molto lunga, molto importante ed estremamente decisiva per la sua formazione musicale compositiva. Ed è con questa orchestra, diretta dal Maestro PAOLO CONTE, che suona nei più prestigiosi Teatri del mondo. 

     

    Nel 2007 inizia la collaborazione in qualità di compositore, con il regista di film d’animazione ENZO D’ALÒ, scrivendo le musiche della serie in animazione per la RAI, distribuita poi in tutto il mondo, PIPÌ PUPÙ e ROSMARINA.

Letto 69 volte

Video

Altro in questa categoria: « La principessa e l'aquila Paddington 2 »

Indice dei Film

I Più Visti negli ultimi 6 mesi

Barbiana '65 (02 Ott 2017)
L'età imperfetta (19 Ott 2017)
Gramigna (17 Set 2017)