Lievito Madre - Le ragazze del secolo scorso In evidenza

Informazioni aggiuntive

  • Sinossi:

     

    Le domande delle ragazze del nostro tempo trovano risposta nelle parole delle ragazze del secolo scorso: Lievito madre è un racconto che intreccia tre generazioni e mescola la storia delle autrici del film a quella delle protagoniste. Dalle interviste a grandi protagoniste del nostro tempo, celebri e anonime, dai nostri filmini di famiglia - noi, le nostre madri, le nostre nonne - dalle parole delle giovanissime intervistate a far da colonna sonora emerge una storia che racconta la nostra, una sola voce fatta da molte voci: il lievito madre che ci ha generati. Adele Cambria, Giovanna Tedde, Natalia Aspesi, Nada Malanima, Esterina Respizzi, Lea Vergine, Giulia Maria Crespi, Luciana Castellina, Benedetta Barzini, Giovanna Marini, Emma Bonino, Cecilia Mangini, Inge Feltrinelli, Dacia Maraini e Piera Degli Esposti, rivelano per la prima volta qualcosa di molto privato, qualcosa di sé.

  • Genere: documentaristico
  • Regia: Concita De Gregorio, Esmeralda Calabria
  • Titolo Originale: Lievito Madre – Le ragazze del secolo scorso
  • Produzione: Dora Maar e Aki Film
  • Montaggio: Esmeralda Calabria
  • Destinatari: Scuole Secondarie di II grado
  • Approfondimenti:

     

    Lievito Madre approda alla 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. 

    Un progetto collettivo e indipendente frutto della passione e delle competenze di un gruppo di donne di età, provenienza e professioni diverse. Una squadra che nel tempo è diventata sempre più affiatata e nutrita, scompaginando schemi consolidati e aspettative consumate, portando con sé un ascolto aperto e uno sguardo libero e condiviso sulle madri del nostro Novecento.

    Grandi donne del secolo scorso, molto note o solo molto vere, si raccontano alle donne del Duemila: intrecciano i loro sguardi e le loro voci per portarci avanti e indietro nel tempo tra filmati d’epoca, memorie e immagini esclusive. Interviste, confessioni, tasselli unici e privati che compongono il puzzle collettivo, il mosaico originale di un secolo, di quell’impasto naturale della storia del quale le donne sono da sempre il lievito: il lievito madre.

    Un film che nasce dal desiderio delle ragazze di oggi di scoprire nelle parole e negli occhi delle ragazze del secolo scorso, l’origine della nostra storia, la nostra direzione di marcia. Un percorso  che consente di dar voce al bisogno di “tornare indietro per andare avanti” e trovare finalmente risposte ai dubbi delle nostre vite incerte, navigazioni solitarie in mare aperto. L’idea – da una costola del progetto “Cosa pensano le ragazze” di Concita di Gregorio - è quella di risalire alla sorgente dei giorni presenti, sentire la voce di coloro che ci hanno generato, leggerne le rughe, vedere quello che i loro occhi hanno visto e immaginare quello che le loro mani hanno toccato. Un viaggio alle origini del nostro tempo, di quello che siamo diventate. Il racconto delle speranze, dei desideri, delle paure e dell’idea di futuro delle donne italiane quando il futuro è già successo, e sono i loro volti a dirci come è andata. Nel corso di quasi quattro anni abbiamo raccolto, in venti, mille interviste a donne di ogni età: tra queste quasi cento intervistate avevano un’età compresa tra 60 e 100 anni, anzi 101. Molte di loro sono celebri nei loro campi – musica, politica, letteratura, cinema, professioni – altre sono donne comuni, loro coetanee, alcune analfabete e vissute di lavori semplicissimi: la mondina, la barista, l’allevatrice di bestiame, la casalinga, la verduraia. In “Lievito Madre”, Adele Cambria, Giovanna Tedde, Natalia Aspesi, Nada Malanima, Esterina Respizzi, Lea Vergine, Giulia Maria Crespi, Luciana Castellina, Benedetta Barzini, Giovanna Marini, Emma Bonino, Cecilia Mangini, Inge Feltrinelli, Dacia Maraini e Piera Degli Esposti, toccano, con interventi di pochi minuti, temi come il lavoro, la famiglia, la libertà, il corpo, l’amore, le passioni, i dolori, i mutamenti. Le immagini che attraversano i loro racconti sono per lo più tratte da filmini di famiglia che documentano, dagli anni ’20 agli anni ’90, i modi intimi e gli stili di vita del tempo. Le donne che compaiono sono spesso altre rispetto alle protagoniste delle interviste: questa scelta alimenta così il senso di questo film, quello cioè di raccontare una sola storia: la Storia di tutte. La colonna sonora, dove si incontrano anche contributi musicali del ’900, è stata realizzata per questo progetto dal compositore Valerio C. Faggioni.

    Il film è stato realizzato da Concita De Gregorio e Esmeralda Calabria, in collaborazione con Emanuelle Cedrangolo, Geraldina Fiechter, Silvia Jop, Manuela Virdis, Francesca Mossa, Giorgia Pirillo e con Chiara Valerio, Lavinia Azzone, Paola Natalicchio, Francesca Fornario, Giulia Paravicini, Sofia Sabatino, Shirin Amini, Roberta De Cesare.

     

    Note di regia

    Nato dal bisogno di “tornare indietro per andare avanti”, Lievito Madre raccoglie le testimonianze inedite, libere, spesso  irriverenti di alcune delle protagoniste del Novecento italiano che abbiamo incontrato nel corso della realizzazione di Cosa pensano le ragazze,  un progetto di Concita De Gregorio durato quattro anni durante il quale, attraverso un grande lavoro di squadra, sono state raccolte mille interviste a donne di ogni età, di cui quasi un centinaio tra 60 e 100 anni. Molte di loro sono celebri nei loro campi – musica, politica, letteratura, cinema – altre sono donne comuni, loro coetanee. Volti, sguardi e parole che si intrecciano con le immagini di filmini di famiglia che compongono un contrappunto di voci sotterranee e un racconto parallelo.

     

    Concita De Gregorio

    Giornalista, scrittrice e firma storica de La Repubblica. Autrice di romanzi e saggi molti dei quali pubblicati da Einaudi, Feltrinelli, Rizzoli. È ideatrice e conduttrice del format Fuoriroma per Raitre. Prossima al debutto la versione teatrale del suo testo Mi sa che fuori è primavera (Feltrinelli 2015) per la regia di Giorgio Barberio Corsetti. Nel 2014 ha fondato la casa di produzione Dora Maar. Lievito madre, nato dal progetto Cosa pensano le ragazze, è il suo primo lavoro per il cinema.

     

    Esmeralda Calabria

    Esordisce nel cinema nel 1992 come montatrice, lavorando con alcuni dei principali registi italiani, Nanni Moretti, per La stanza del figlio (2001) Il Caimano (2006) e Habemus Papam (2011), Giuseppe Piccioni, Paolo Virzì, Francesca Archibugi. Ha vinto due David di Donatello per il miglior montaggio con Fuori dal mondo (1999) di Giuseppe Piccioni e Romanzo criminale (2006) di Michele Placido. Biùtiful cauntri (2007) è il suo esordio come regista, Nastro d’argento come miglior documentario uscito in sala, e Ciak d’oro per il miglior montaggio. Nel 2016 fonda la società di produzione AkiFilm con cui produce nello stesso anno il documentario Upwelling, di Pietro Pasquetti e Silvia Jop.

     

     

    Adele Cambria,  Giovanna Tedde,  Lea Vergine,  Luciana Castellina, Esterina Respizzi,  Giulia Maria Crespi,  Dacia Maraini,  Giovanna Marini, Natalia Aspesi,  Cecilia Mangini, Nada Malanima,  Benedetta Barzini, Inge Feltrinelli,  Emma Bonino,  Piera Degli Esposti

Letto 64 volte

Video

Altro in questa categoria: « Loving

Indice dei Film

I Più Visti negli ultimi 6 mesi

Barbiana '65 (02 Ott 2017)
L'età imperfetta (19 Ott 2017)
Gramigna (17 Set 2017)