Tommy e gli altri In evidenza

Informazioni aggiuntive

  • Sinossi:
     
    Quando nacque Tommy suo padre non c'era, per il suo lavoro di giornalista quel giorno stava a Sanremo per commentare il Festival della Canzone Italiana. Esattamente diciotto anni dopo quella sera padre e figlio si trovano assieme per festeggiare l'entrata di Tommy nell'età adulta e, per ironico paradosso, la sua "guarigione" dall' autismo. In Italia esistono solamente "bambini autistici", ma quando diventano grandi cosa sono? Dove vanno? Che fanno? Per dare risposte concrete a questa domanda padre e figlio sono partiti per un viaggio che li ha portati in giro per tutta Italia a conoscere "gli altri", ovvero gli autistici adulti come Tommy a cui non viene più riconosciuto il diritto a una vita sociale, quelli che ancora vivono in casa con i genitori, quelli che prima o poi saranno destinati a essere considerati solo in ragione di "una retta" che lo Stato paga a chi ha nel loro mantenimento in vita il suo business, dopo che sarà compiuto il loro inesorabile destino di finire in generiche strutture che tanto ricordano i più detestabili luoghi di segregazione del passato. Nelle famiglie visitate parlano madri e padri, raccontano la loro giornata mentre tengono accanto a loro i giganti ex bambini, a cui hanno dedicato la vita. Dal racconto quotidiano emerge solitudine, abbandono da parte delle istituzioni, fatale attendere che si compia un destino che rappresenta per i genitori il quotidiano spauracchio, sintetizzabile in una domanda che non ha risposte: "che sarà di mio figlio quando io non sarò più accanto a lui?" Alcuni tra loro però non si rassegnano, progettano, sognano immaginano le loro città dell'utopia dove i figli potrebbero avere dignità di vita e reale inclusione sociale. 

    "Quello che avverrà dopo di noi non abbiamo voglia di dirlo”.

    Il film nasce ed è stato realizzato grazie all'incontro di Gianluca Nicoletti e Massimiliano Sbrolla, già colleghi in una tv romana, si sono incontrati di nuovo dopo trenta anni e hanno deciso di impegnarsi, mettendo in comune le reciproche competenze, in un racconto realistico dell'autismo adulto in Italia.

     

  • Regia: MASSIMILIANO SBROLLA / ASSISTENTE REGIA BEATRICE QUADRI
  • Titolo Originale: TOMMY E GLI ALTRI
  • Produzione: GIANLUCA NICOLETTI E MASSIMILIANO SBROLLA / Produzione Esecutiva ZOOFACTORY SRL
  • Sceneggiatura: GIANLUCA NICOLETTI
  • Direttore della Fotografia: PAOLO ARALLA
  • Montaggio: MASSIMILIANO SBROLLA
  • Scenografia: PROGETTO GRAFICO EMANUELE SABETTA
  • Approfondimenti:

     

    IL FILM:

    Scritto Da Gianluca Nicoletti 

    Regia Massimiliano Sbrolla 

    Assistente Regia Beatrice Quadri

    Direttore Della Fotografia Paolo Aralla 

    Seconda Unità Antonio Di Domenico

    Audio Presa Diretta Nicola  Gualandis -­  Roberto  Sestito 

    Mix Audio Studio Fonico Montaggio Massimiliano Sbrolla

    Musiche Audionetworks -­ Dario Brunori (Warner Chappel -­ Picicca) 

    Consulente Musicale Niccolo Del Corso

    Progetto Grafico Emanuele Sabetta

    Fotografie Di Scena E Backstage Beatrice Quadri 

    Organizzazione Generale Carlotta Nuccetelli 

    Produzione Esecutiva Zoofactory Srl

    Prodotto Da Gianluca Nicoletti E Massimiliano Sbrolla

     

    www.tommyeglialtri.it http://film.cervelliribelli.it/

     

    GIANLUCA NICOLETTI

    È giornalista e scrittore, da 35 anni nota voce della radio nazionale Italiana. Dopo due decenni di radio alla Rai dal 2005 parla in diretta tutti i giorni per la radio del Sole24 ore e scrive per il quotidiano La Stampa. Dopo essersi occupato per grande parte della sua vita professionale dell'analisi della comunicazione, dalla tv ai new media, dopo il passaggio all'età adulta del figlio autistico Tommy inizia a interessarsi attivamente all'umanità "diversamente comunicante". Si occupa quindi attivamente di diffondere cultura sull'autismo e la neuro diversità. Ha progettato e gestisce l'area web d'informazione sull'autismo "Per noi autistici", (www.pernoiautistici.com )Il sito realizzato nel 2015 con contributo del MIUR, è integrato con strumenti interattivi di partecipazione, realizzati in ambito al progetto "Digital for social" finanziato da Fondazione Vodafone. È presidente della Onlus Insettopia (www.insettopia.it). Associazione che s'impegna per creare e sostenere progetti capaci di fornire servizi utili alle famiglie dei soggetti con autismo. (es. "Autistici&Giardinieri" con MIUR e Università Luiss). Dal 2013 ha scritto due libri sulla sua esperienza di padre del figlio autistico Tommy. Entrambi best seller sono pubblicati in Oscar Mondadori.

     

    MASSIMILIANO SBROLLA

    Giornalista per la carta stampata dal 1992, dal 2000 al 2003 ha lavorato in qualità di Producer per il canale satellitare Studio Universal, ideando spot e campagne promozionali. Dal 2003, dopo aver fondato la Zoofactory srl, per il gruppo Fox International Channels produce format televisivi, documentari e partecipa all'ideazione di diversi programmi d'intrattenimento. È ancora attiva la collaborazione con National Geographic Channel Italia, NatgeoPeople, e FlopTV. Nel 2013 inizia la collaborazione con Discovery Channel Italia e LAEFFE. Ha realizzato, assieme alla sua troupe, il reportage di grande successo: "Il Viaggio di Sammy" per National Geographic Channel. Tra gli ultimi lavori in ambito sociale: Il video istituzionale per l'ONG Vip che si occupa di clownterapia, la campagna per La casa di Peter Pan, un film documentario per raccontare la storia del movimento paralimpico italiano dagli albori ai giorni nostri. "E poi vincemmo l'oro": le vite straordinarie degli atleti paralimpici. Da sempre è autore e produttore di tutte le opere di cui è Regista.

    http://film.cervelliribelli.it

     

    “Tommy e gli altri”, il primo docu-­‐film italiano sul tema dell’autismo, è protagonista di un tour di proiezioni gratuite dedicate alle Scuole Secondarie di II grado.  Al termine di ciascuna proiezione è previsto un dibattito a cura dei rappresentanti dell’ANGSA.

    Il tour, sostenuto dal MIUR con il contributo di Sky Italia, si terrà tra febbraio e marzo 2018 e coinvolgerà le città: Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Firenze, Genova, L’Aquila, Latina, Milano, Napoli, Novara, Padova, Palermo, Prato, Reggio Calabria, Roma, Torino e Udine.

    Il film, è stato interamente finanziato attraverso una raccolta fondi e crowdfunding promossa dalla Onlus Insettopia.

    Il Tour gratuito per le Scuole è gestito in collaborazione con Kulta-­‐Scuola Channel.

    Il film mostra le vere storie di ragazzi neurodiversi e dei loro genitori, fratelli e delle persone che li assistono. Frutto del lavoro di una troupe di sei persone, “Tommy e gli Altri” conduce alla scoperta della parte meno nota dell’Autismo in Italia.

     

     

  • Spunti di Riflessione:

     

    Il docu film nasce come strumento di informazione e riflessione.

    È un film realistico e lo stile di racconto e la tecnica di ripresa e montaggio ne fanno

    un prodotto audiovisivo di grande impatto per un pubblico giovane. Il film è a volte amaro, a volte surreale e divertente: sempre lontano dal pietismo o dal modo poco scientifico con cui a volte questo tema è trattato.

    Il rapporto spesso scanzonato tra i ragazzi della troupe, Tommy e altri ragazzi che vengono scovati nelle case in cui spesso sono amorevolmente segregati si presta a un’infinità di riflessioni sull’universo interiore che possono nascondere persone che all’apparenza hanno atteggiamenti e comportamenti diversi dalla norma.

     

    La vera mission di “Tommy e gli altri” è quella di agire da “evento scatenante” di un vasto programma di sensibilizzazione all’integrazione e all’educazione alla legalità. Il film mostra la vita quotidiana di ragazzi con varie tipologie di disturbo autistico. Gli autistici, in particolare gli Asperger ad alto funzionamento quindi verbali, sono in percentuale le vittime più colpite in episodi di bullismo. Nel documentario emerge anche quanta sofferenza provi un ragazzo (e la sua famiglia) che è preso in giro perché non socializza, è impacciato o ha comportamenti atipici.

    L’obiettivo del  film   è   proporre   un nuovo   punto   di   vista in   cui   la diversità sia   vissuta come valore contrastando gli atti di bullismo di cui spesso sono oggetto i neurodiversi. Il viaggio di Tommy cerca di spiegare ai ragazzi che reagire con violenza a ciò che semplicemente non si capisce e di cui forse si ha solo paura è un comportamento sciocco e, in gergo, veramente “da sfigati”.

    Il mondo moderno si muove sulla forza della connessione: le connessioni più gratificanti non si stabiliscono con linguaggi ottusi, ma con la capacità di mettersi in sintonia, e il più velocemente possibile, con gli altri. Per farlo, occorre allenamento e non si diventa abili a connettersi se non si arriva a riconoscere e comprendere anche chi è molto diverso da noi. Il neurodiverso è un ottimo personal trainer in questo scenario perché ci abitua a riconoscere e a gestire la differenza attraverso le sue difficoltà nelle relazioni.

     

    Chi si abitua a relazionarsi serenamente con i ragazzi neurodoversi sarà anche capace di capire ed essere capito in quelle occasioni in cui  il rapporto con gli altri può apparire “difficile”.

    Sul piano sociale, in questo modo si creano le basi per un’educazione alla convivenza e alla legalità non come regole imposte dall’alto, da seguire per evitare sanzioni o punizioni, ma come una naturale propensione all’accoglienza del diverso. Il riconoscimento del “diritto di esistere” di ragazzi diversi dalla maggior parte degli studenti che parteciperanno al progetto sarà un’importante palestra di educazione alla responsabilità.

    Le scuole avranno a propria disposizione un kit didattico “Cervelli Ribelli” – realizzato con il sostegno del Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e grazie alla collaborazione tra Insettopia e Scuola Channel – per favorire l’interazione con gli studenti sul tema della neurodiversità e, in generale, sull’educazione al rispetto, sulla lotta al bullismo e sulla valorizzazione della diversità.

     

    Un PROGETTO EDUCATIVO e un KIT

    DIDATTICO per sensibilizzare sulle NEURODIFFERENZE e sulla loro discriminazione www.scuolachannel.it/cervelliribelli

    Parte dalla neurodiversità un progetto che vuole finalmente portare nelle scuole superiori uno spazio di conoscenza e confronto su quelle differenze che vengono spesso relegate nell’ambito della non-­‐normalità e quindi attaccate come facile oggetto di derisione ed esclusione.

    Autismo e sindrome di Asperger non sono nomi di malattie o menomazioni, ma “condizioni dell’essere” differenti per modo di percepire, di relazionarsi con gli altri, di apprendere.

    Una varietà di sfumaturenello sviluppo neurobiologico -­‐ si parla di spettro autistico -­‐ che declinano la variabilità evolutiva della nostra specie, nascondendo incredibili talenti e spesso rivelando incapacità mal interpretate, perché diverse dalla norma.

    Il progetto “Cervelli ribelli” nasce dalla volontà di sensibilizzare gli adolescenti al fenomeno della neurodiversità con un’ambizione: aprire lo sguardo alle differenze come valore e capitale umano, culturale, sociale, biologico. Un invito ad “andare oltre”, soprattutto alle paure che la diversità scatena, e a entrare “in contatto” con chi è strano o presenta difficoltà, per comprendere meglio il peso specifico della diversità nella nostra vita e per contrastare gli atti di bullismo di cui spesso sono oggetto i neuroatipici.

     

Letto 383 volte

Video

Altro in questa categoria: « The Teacher

Indice dei Film

I Più Visti negli ultimi 6 mesi

Wonder (27 Nov 2017)
Gli Invisibili (16 Gen 2018)
L'esodo (07 Feb 2018)
My name is Adil (07 Mar 2018)