Leo Da Vinci - Missione Monna Lisa In evidenza

Informazioni aggiuntive

  • Sinossi:

     

    Un film sulla figura enigmatica e affascinante del giovane Leonardo da Vinci che riesce a ricreare il suo mondo fatto di scoperte geniali, invenzioni intelligenti, momenti dedicati al divertimento e un grande sogno: riuscire a volare.

    In questa avventura insieme a Leo ci sono vecchi e nuovi amici, tra cui la forte e determinata Lisa, di cui il ragazzo è innamorato senza saperlo.

    C’è anche un manipolo di temibili Pirati che ricorrono alle maniere forti per raggiungere il loro obiettivo: recuperare il tesoro sotto il mare vicino all’Isola di Montecristo.

    Grazie alle sue avveniristiche invenzioni, prima tra tutte lo scafandro, Leo trova per primo il tesoro…. Ma i pirati non stanno a guardare!

    ***

    Il lungometraggio è dedicato a una delle figure più enigmatiche di tutti i tempi, Leonardo da Vinci e ne ricrea il suo mondo, fatto di scoperte geniali, invenzioni intelligenti e un grande sogno: riuscire a volare. Insieme a Leo da Vinci in questa avventura ci sono vecchi e nuovi amici, tra cui la forte e determinata Lisa, di cui in ragazzo è innamorato senza ancora saperlo. E poi ci sono i cattivi, che non esitano a ricorrere alle maniere forti per raggiungere il loro obiettivo: recuperare un tesoro sotto le acque del mare vicino all’Isola di Montecristo, servendosi di una delle invenzioni di Leo. Un film appassionante e divertente, che però nel profondo dà una lezione che non conosce età: non smettere mai di inseguire i propri sogni, perfino quando sembrano impossibili, e sperimentare sempre, sfidando i propri limiti.

     

  • Genere: Animazione
  • Regia: Sergio Manfio
  • Titolo Originale: Leo da Vinci – Missione Monna Lisa
  • Distribuzione: Videa CDE
  • Produzione: Gruppo Alcuni
  • Data di uscita al cinema: 11 gennaio 2018
  • Durata: 82’
  • Sceneggiatura: Francesco Manfio, Sergio Manfio
  • Montaggio: Umberto Barison
  • Attori: Alex Polidori, Emanuela Ionico
  • Destinatari: Scuole Primarie, Scuole Secondarie di I grado
  • Approfondimenti:

     

    SERGIO MANFIO, REGISTA E CAPO SCENEGGIATORE: GLI STEP DEL PERCORSO CREATIVO

    “Il film è stato il frutto di un lavoro di gruppo molto lungo. Era chiaro in partenza che volevamo raccontare una storia di avventura, ma durante la lavorazione del film altri temi sono entrati con forza nella trama. Primo fra tutti il rapporto tra Leo e Lisa, che emergeva in maniera potente ogni volta che rileggevamo la sceneggiatura. Alla fine abbiamo stravolto completamente il racconto togliendo di mezzo (metaforicamente) l’amico Lorenzo e affidando a Lisa il compito di accompagnare Leo nello scontro con i pirati. Questo ha fatto sì che si sviluppasse una parte importante della storia collegata al rapporto che si veniva a creare tra i due. Altro tema che abbiamo voluto affrontare con attenzione è quello dei competitor. I cattivi dovevano essere veramente cattivi, per evitare quei personaggi-macchietta che lasciano nel pubblico un senso di incompiuto. La decisione, poi, di svelare la vera identità del cattivo solo a pochi minuti dalla fine del film, ci ha dato l'opportunità di giocare con il pubblico una singolare partita con piccoli indizi successivi. Grazie alla canzone di Riki siamo poi riusciti a creare un momento di forte coinvolgimento emotivo, nel quale Leo passa in rassegna i piccoli e grandi cambiamenti che il suo modo di pensare e la sua personalità hanno subito durante il tempo passato con Lisa”.

     

    Le riflessioni degli autori

    Credo che esista un qualcosa di profondo che unisce i bambini di ieri a quelli di oggi. Questo qualcosa è sicuramente lo spirito d’avventura, la voglia di scoprire, la fantasia senza regole. Leo da Vinci rappresenta questo tipo di sogni. Abbiamo pensato a una storia che potesse interessare ai ragazzi dei cinque continenti. Ci è piaciuto presentare Leonardo da adolescente, un giovane che incarna un messaggio positivo: l’idea di impegnarsi per raggiungere l’obiettivo, piccolo o grande che sia. Leo incarna lo spirito di creatività italiano, risolve i problemi adoperando l’ingegno, mai la prepotenza, crede nell’amicizia ed è la dimostrazione che i sogni vanno coltivati per concretizzarsi. (Sergio Manfio, regista).

    Quello che fa crescere di più Leo non sono tanto l’avventura e l’applicazione pratica della sua genialità contro i suoi oppositori, quanto il fatto di incanalare le sue energie per aiutare qualcuno che per lui è estremamente importante. Di fronte ai sentimenti e all’amore Leo deve arrendersi e constatare che esiste un universo di affetti che non ha ancora mai esplorato e di cui ignorava il grande potere. (Anna Manfio, co-sceneggiatrice)

     

    I personaggi

    Leo 

    Il Look: L’antico di miscela al moderno, il passato al futuro. Così nasce Leo: capelli neri e ribelli, bracciali di cuoio e robusti stivaloni cinghiari. Leo – una sorte di supereroe moderno catapultato a metà del Quattrocento – ha l’aspetto tipico del ragazzo che sa dove vuole arrivare. Ma Leo è anche un genio, e quando un genio ha un’ispirazione deve metterla nero su bianco, lì dove si trova. E qui entra in gioco l’inseparabile portapenne posto sul braccio, che insieme al cosciale fa sì che lui sia sempre pronto per ogni evenienza, in ogni momento.

    Personaggio: Leo è un sognatore, un ragazzo che non vede limiti alla sua creatività e alla sua capacità di osservazione. Per spiegare la sua dinamicità e la sua velocità nel dar corpo alle sue idee, verrebbe da usare la frase del Manzoni “… di quel securo il fulmine tenea dietro al baleno!” Poi, come tutti i Geni, ha qualche problema di rapporto con la vita di tutti i giorni.

    Il sogno:  Qui non si possono sprecare parole. Leo ha un solo grande sogno: VOLARE!

    Il momento di gloria: Dopo che Botte, la sua invenzione per volare, è stata distrutta da una cannonata dei Pirati, Leo osserva il cielo e vede dei gabbiani che volano sfruttando le correnti. Un guizzo balena nei suoi occhi. Afferra una fune che penda da ciò che resta di Botte, chiama a raccolta i suoi amici delfini che afferrano la corda e, come un aquilone, lo fanno volare.

    Frase cult: “Volo!”

     

    Lisa

    Il look: Bellissima! Capelli fulvi raccolti in un lunga treccia che le cade davanti alle spalle. Grandi occhi castani che esprimono ogni stato d’animo senza bisogno di parole. Le gambe, vestite con due differenti colori, le conferiscono un’aria sbarazzina in contrasto con la sua grande maturità.

    Personaggio: E’ una ragazza di campagna ma con il piglio tipico di chi non si lascia mettere i piedi in testa da nessuno, né dal Genio, che stravede per lei, né tanto meno dall’antipatico figlio del signorotto di Vinci.

    Il sogno: convincere Leo che i sogni più difficili da raggiungere sono quelli legati alla vita di tutti i giorni “… ma perché devi cercare di inventare un deltaplano quando basterebbe prendermi la mano!

    Il momento di gloria: Quando riesce ad anticipare Leo nel prendere una decisione  importante. Nel film questo succede più volte, anche se Leo ha qualche difficoltà ad ammetterlo.

    Frase cult: “Leo, sarai anche un Genio ma..”, detto ogni volta che Leo vola troppo in alto per accorgersi degli altri.

     

    Lorenzo

    Il look: L’immancabile, paffuto amico d’infanzia. Coraggioso (o forse sconsiderato?) quanto basta per accompagnare Leo nelle sue avventure.

    I capelli color carota e l’abbigliamento semplice ma curato gli donano quell’aspetto da atletico ragazzone di campagna, ideale compagno di giochi per l’amico Leo, così preso nella sua parte di eroe geniale.

    Personaggio: Il bosco e la campagna non hanno segreti per Lorenzo. Conosce ogni verso degli animali e ogni foglia che trova sul suo cammino. Non prova la minima invidia per Leo, anzi non chiede nulla di meglio che essere il suo compagno di giochi e di avventure.

    Il sogno: Riuscire a essere assunto nella bottega del Verrocchio, ma non come cuoco,

    Il momento di gloria: Quando, con un ingegnoso stratagemma, riesce a liberarsi dalla prigione in cui i pirati lo hanno rinchiuso.

    Frase cult: Mentre sta pescando, quando qualcuno gli fa notare che i pesci non abboccano, Lorenzo risponde serio: “Non abboccano perché hanno appena mangiato: lo sanno tutti che i pesci, dopo aver mangiato, aspettano sempre tre ore prima di fare il bagno!”.

     

    Agnes

    Il look: E’ una piccola “scugnizza” sono tutti i punti di vista. Capelli biondi con una treccia spettinata sopra la testa. Abiti sdruciti che porta con noncurante, innata dignità.

    Personaggio: Testarda e cocciuta oltre ogni limite, Agnes non si arrende mai. Vive di espedienti e non c’è nulla che la faccia desistere quando ha un’idea in testa e un obiettivo che vuole raggiungere. Ma è anche una ragazzina dolce e a suo modo romantica.

    Il sogno: Avere una famiglia tutta sua, quella famiglia che lei non ha mai avuto.

    Il momento di gloria: Dopo aver scoperto il segreto di Lisa, cioè che se non si riesce a recuperare il tesoro nascosto dovrà andare in sposa al figlio del signorotto  di Vinci, Agnes farà di tutto per salvare l’amica.

    Frase cult: Quando viene accusata da Leo di aver voluto rubare la mappa del tesoro, si difende così: “Agnes è sola al mondo, Agnes voleva avere anche lei qualcosa da raccontare, una bella storia di u n tesoro e dei nuovi amici, o meglio: i primi amici. Agnes non ha mai avuto amici. Solo per questo Agnes ha preso la  mappa…”

    Quando finalmente Leo si convince a portare anche lei sull’isola, la ragazzina risponde con un sorrisino furbo.

     

    Niccolò

    Il look: Denti sporgenti e faccia da ragazzino per bene, Niccolò porta in testa un cappellino che è una rivisitazione del tipico cappello del suo paese natale, la Polonia.

    Personaggio: Crede a tutto ciò che gli si dice, possiamo dire più ingenuo di lui non c’è nessuno. Si getta a capofitto nelle avventure per poi scoprire che la realtà non è proprio come lui se l’era immaginata.

    Il sogno: Predire con precisione al prossima eclissi.

    Il momento di gloria: Quando, dopo lunghe ore di calcoli, predice perfettamente l’eclissi con cui fa scappare dal terrore tutti i pirati meno Fly.

    Frase cult: Quando Niccolò riceve in regalo da Leo un disegno che lo raffigura in modo “vitruviano” esclama: “Ma io non ho quattro braccia, disegni proprio male Leo!”.

     

    Pirati

    Il look: Sono pirati nel vero senso della parola e in particolare nel modo con cui sono vestiti. I copricapo, i tatuaggi e i cinturoni sono “in regola” con la tipologia del pirata classico, anche se di classico hanno ben poco.

    Questi pirati hanno girato il mondo e nei loro abiti si mescolano i costumi dei molteplici mari navigati. Coltelli appuntiti e sciabole affilate – immancabili accessori di complemento – vengono maneggiati spesso e con naturale disinvoltura. Possiamo proprio dire che, in questo caso, “l’abito fa il pirata!”.

    Personaggi: I pirati di questo film non sono proprio i classici predoni “alla Capitan Uncino” – camicie larghe e piume di struzzo – che siamo abituati a vedere nei film. Oltre a essere cattivi al punto giusto, nella storia li vediamo rappresentati in un modo molto umano: accessori di cuoio, tatuaggi e calzini bucati. 

    Ma anche aggressività e storditezza in parti uguali.

    Il sogno: Riuscire a trovare il fantastico tesoro di cui si favoleggia, contenuto nella stiva della nave affondata nei pressi dell’isola di Montecristo.

    Il momento di gloria: nessuno.

    Frase cult: Il Capo dei Pirati, quando crede di aver catturato Leo: “Vediamo se i pescecani diventeranno più intelligenti dopo essersi mangiati un genio …“

     

  • Spunti di Riflessione:

     

    1) Leo da Vinci è un film animato? Sapete quali sono le difficoltà un regista deve affrontare per realizzare un film di animazione? Non ci sono attori veri ma tutto viene ideato e creato da un team di artisti e tecnici. Avete mai provato a disegnare un vostro personaggio e immaginare anche l’ambiente in cui farlo vivere? Preferireste un luogo fantastico o reale?

    2) Secondo voi, pur avendo a disposizione una bellissima storia da raccontare, cosa è importante per la realizzazione di una grande opera filmica di animazione? Se non si lavora con passione e amore e in armonia pensate si possa arrivare a grandi risultati?   

    3) Leo da Vinci è un ragazzo come tanti che si diverte con i suoi amici. Quanto è importante per voi il tempo trascorso con i vostri compagni a studiare o a giocare insieme?

    4) Leo da Vinci è un inventore e un genio e il suo spirito di avventura rappresenta ciò che esiste nell’animo di qualsiasi ragazzino di ieri e di oggi portandolo a fare viaggi fantastici su macchine volanti al di sopra dell’immaginario. Se aveste l’opportunità di poter creare una macchina volante dove vorreste che vi portasse?

    5) Oggi si viaggia comodamente in aereo ma vi siete mai chiesti come ci siamo arrivati?

    6) Come si comporta Leo di fronte al sentimento dell’amore? Un universo che non ha ancora mai esplorato. Chi è la ragazza di cui si innamora?

    7) Che ruolo ha Lisa nel film? Incoraggia Leo a realizzare i suoi sogni?

    8) Chi è l’amico d’infanzia di Leo? Con quale stratagemma ingegnoso riesce a liberarsi dalla prigione dei pirati?

    9) Il film è ambientato in una città italiana del Quattrocento. Scopri di quale città si tratta?

    10) Se voi foste catapultati nel Quattrocento che cosa vi dispiacerebbe perdere della tecnologia che fa parte del mondo in cui vivete? Fate un elenco mettendo al primo posto quello che vi mancherebbe di più. 

    11) In un film appassionato e divertente come Leo da Vinci, dove non si smette mai di inseguire i propri sogni, sfidando sempre i propri limiti ci si trova anche ad affrontare il cosiddetto “cattivo” che in questo film è rappresentato dai pirati. Perché, secondo voi, in ogni film di animazione c’è sempre un “buono” e un “cattivo”?

    12) Sapete qual è l’origine dei pirati e l’evoluzione della loro storia fino ai nostri giorni?

    13) Vi piacerebbe trovare un tesoro nascosto e cosa vorreste ci fosse dentro?

    14) Sareste in grado o lo avete già fatto di organizzare una caccia al tesoro con i vostri amici?

    15) Le musiche della colonna sonora del film sono state eseguite dall’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Secondo voi quanto incidono le melodie nel ritmo di un film?

    16) Conoscete le opere del grande Leonardo da Vinci, uomo d’ingegno e dal talento universale del Rinascimento o avete avuto occasione di andare a visitare una mostra a lui dedicata? Che cosa vi ha più colpito?

    17) Un altro genio del Rinascimento è stato Michelangelo Buonarroti. Come era il rapporto tra di loro? I loro ideali artistici da cosa si differenziavano?

Letto 401 volte

Video

Altro in questa categoria: « Lady Bird Loro di Napoli »

Indice dei Film

I Più Visti negli ultimi 6 mesi

Loro di Napoli (27 Mag 2018)
Il dolore del mare (27 Mag 2018)
La mélodie (28 Mag 2018)