Tuo, Simon In evidenza

Informazioni aggiuntive

  • Sinossi:

     

    In TUO, SIMON il sedicenne gay Simon Spier inizia a flirtare online con un suo compagno di classe, la cui identità però resta segreta. Ma quando una delle mail che si scambiano, finisce nelle mani sbagliate, il segreto di Simon rischia di diventare di pubblico dominio. All’improvviso inizia a essere ricattato da Martin, un suo compagno di scuola che cerca di superare i suoi problemi di relazione attraverso un atteggiamento aggressivo. Martin pretende che Simon lo aiuti a conquistare la bella Abby Suso (Alexandra Shipp) e, se Simon si rifiuterà di aiutarlo, minaccia di divulgare non solo il suo segreto, ma anche quello di ‘Blue’, lo pseudonimo dietro il quale si nasconde il ragazzo con cui Simon ha intrapreso una fitta corrispondenza.

    Mentre lo scambio di mail con Blue diventa sempre più intenso e le minacce di Martin sempre più insistenti, Simon teme che la situazione gli stia sfuggendo di mano. Ora deve trovare un nuovo modo di uscire dalla propria zona di conforto prima di esserne catapultato fuori, senza però perdere i suoi amici, compromettersi e rovinare un’occasione di felicità con un ragazzo di cui non conosce neanche il vero nome. 

     

  • Genere: Commedia
  • Regia: Greg Berlanti
  • Titolo Originale: Love, Simon
  • Distribuzione: 20th Centuri Fox
  • Produzione: Usa, 2018
  • Data di uscita al cinema: 31/5/2018
  • Durata: 110’
  • Sceneggiatura: Isaac Aptaker, Elizabeth Berger
  • Direttore della Fotografia: John Guleserian
  • Montaggio: Harry Jierjian
  • Scenografia: Aaron Osborne
  • Costumi: Eric Daman
  • Attori: Nick Robinson, Josh Duhamel, Jennifer Garner, Katherine Langford, Talitha Eliana Bateman, Alexandra Shipp, Miles Heizer, Keynan Lonsdale, Logan Miller, Tony Hale, Darcy Rose Byrnes, Joshua Mikel
  • Destinatari: Scuole Secondarie di II grado
  • Approfondimenti:

     

     

    IL LIBRO

    TUO, SIMON è stato adattato dal romanzo per giovani adulti di Becky Albertalli dal titolo Non so chi sei ma io sono qui (titolo originale: Simon vs The Homo Sapien’s Agenda). Pubblicato nel gennaio 2012, il libro ha vinto il William C. Morris Award come Best Young Adult Debut of the Year ed è entrato a far parte della National Book Award Longlist. Albertalli non avrebbe mai immaginato che il suo libro fosse pubblicato, tantomeno che diventasse un premiato best seller e ora addirittura un film di Hollywood: “Quando ho scritto il libro facevo la psicologa”, dice. “Avevo un figlio di un anno, che ora ne ha quattro. Mi mettevo a scrivere quando lui dormiva. Avevo sempre desiderato scrivere un libro, quindi ho deciso di provarci sul serio. Non so da dove sia nata l’idea della trama, ma questi personaggi mi ronzavano in testa da tempo. Avevo in mente un ragazzo gay, dai capelli arruffati, con una felpa e un cappuccio, e questo ragazzo alla fine è diventato Simon. Quando ero psicologa, ho lavorato con tanti ragazzi gay o transgender che sono indubbiamente fra le persone più coraggiose che abbia mai incontrato. Ho sempre rispettato la privacy dei miei clienti, evitando di trasformare le loro storie private in fiction, ma inevitabilmente hanno costituito, per me, una grande fonte di ispirazione”. Il produttore Wyck Godfrey, e Marty Bowen, suo socio in affari presso la Temple Hill Entertainment, sono ormai esperti nel riconoscere quei libri che si prestano a un efficace adattamento per il grande schermo. Dopo aver prodotto la serie di enorme successo Twilight e gli adattamenti di The Fault in Our Stars (Colpa delle stelle)  e The Longest Ride (La risposta è nelle stelle),  leggendo la storia di Albertalli, hanno visto il potenziale per realizzare un bel film.

    “I nostri film sono spesso rivolti a un pubblico giovane”, spiega Godfrey. “Cerchiamo sempre qualcosa di nuovo e di diverso, qualcosa di originale. Fondamentalmente, non avevamo mai visto una commedia romantica ambientata in un liceo, con un adolescente gay come protagonista.  

     

    ALLA RICERCA DELLA VERITA’ INTERIORE

    “Il film ruota intorno al concetto di famiglia e di amore, ma un altro tema importante è quello dei segreti”, dice Jennifer Garner che interpreta nel film la parte della madre di Simon. “Nel film la difficoltà sta nel farli uscire allo scoperto, nell’avere il coraggio di farsi valere, di dire quello che si deve dire. Il film tratta il tema di come diventare se stessi e lo fa in un modo divertente, fresco, e allegro, nonostante i momenti drammatici”.

    Uno dei temi principali di TUO, SIMON è vivere la propria verità, imparare ad accettare se stessi. Spiega Greg Berlanti: “Non è mai troppo presto per essere chi sei veramente.  Ci sono tanti ragazzi che non fanno outing a scuola ma Simon viene costretto a farlo, a uscire dal suo guscio, ad accettare la sua persona, il suo vero io, a essere se stesso”.

    Il film esorta gli spettatori ad avere coraggio e a essere leali con se stessi.

    “Spero che il pubblico che vedrà il film e che leggerà il libro, si sentirà incoraggiato a cercare la propria autenticità”, dice Becky Albertalli. 

    Il regista concorda: “Penso che tutti abbiano attraversato questa fase a un certo punto della loro vita. Cercare e diventare se stessi è un concetto universale. Tutti possono identificarsi in questo argomento”. 

    Ancora il regista aggiunge: “Penso che molti adolescenti possano identificarsi in questa ricerca perché molti stanno cercando faticosamente di trovare se stessi. Non conoscono la loro vera identità. Non sanno cosa vogliono diventare.  E questo non riguarda solo la sessualità. Riguarda il loro vero io. Non riguarda solo il partner che avranno, ma il loro posto su questo pianeta”.

     

    LA MUSICA

    Come molti dei film che hanno ispirato TUO, SIMON, la musica è una parte integrante della storia e le canzoni della colonna sonora costituiscono un aspetto importante della produzione. I filmmaker hanno nominato il musicista, autore di canzone, e produttore musicale  Jack Antonoff, tre volte premiato con il Grammy®Award, come produttore esecutivo musicale della colonna sonora del film.

    Antonoff è probabilmente più noto per aver dato vita alla band Bleachers, e per la sua precedente esperienza come chitarrista della rock band Fun. “Quando ho incontrato Greg Berlanti”, racconta, “mi ha mostrato le clip del film su cui avevano montato alcuni miei brani: era il suo modo per chiedermi di far parte della produzione. Abbiamo parlato dei sentimenti presenti nel film, dell’atmosfera della storia che ricorda quelle di John Hughes, un regista e autore che per me è stato molto importante. Quando ho visto il film, l’ho trovato bellissimo.  Mi è piaciuto perché è umoristico e commovente al tempo stesso”.

    Anche se alcune canzoni di Antonoff erano già apparse al cinema prima d’ora, il cantante non aveva ancora mai creato musica appositamente per un film: “E’ stata un’esperienza nuova e l’unico motivo per cui l’ho fatto è che mi ha veramente catturato. Sono entrato in sintonia con la storia. La prima volta che ho visto il film, alla fine c’era la canzone dei Bleachers “Wild Heart”, e ho pensato di partire proprio da lì.  Non l’avevo scritta per il film ma ci sta benissimo, quindi ho preso alcuni pezzi per rielaborarli”.

    La colonna sonora finale del film contiene 13 canzoni, che comprendono brani classici dei Jackson 5, di Whitney Houston,  dei Bleachers e tracce nuove di Antonoff, fra cui il singolo “Alfie’s Song (Not So Typical Love Song)” eseguito dai Bleachers.

    “Per me quella canzone esprime tutta l’atmosfera di TUO, SIMON: è molto allegra ed estremamente sentimentale allo stesso tempo”, dice Antonoff.  “E’ una di quelle canzoni che si ascolta in macchina con gli amici o a una festa ma se ascolti bene le parole ti rendi conto che sono ricche di sentimento.  E questo è il modo in cui ho percepito il film”. 

     

     

  • Spunti di Riflessione:

     

    di LDF

    1) Perché il ragazzo con cui Simon comincia a flirtare vuole mantenere segreto il suo nome?

    2) E perché Simon che è, poi, il protagonista del film, accetta il segreto e accetta che il giovane ragazzo (ma sarà poi vero?) che comincia a chattare con lui rimanga misterioso?

    3) Cosa vuole Martin, compagno di scuola di Simon, da lui? Perché comincia a ricattarlo?

    4) Simon è amico di Abby Suso, una bella ragazzina della stessa classe. E’ per lui che Martin ricatta Simon? Ma, secondo voi, può un amico convincere una giovanissima donna a divenire la ragazza di un altro?

    5) C’è un motivo per cui il giovane misterioso con cui chatta Simon, ha scelto lo pseudonimo di Blue?

    6) Simon è in crisi tra Blue e Martin che continua a ricattarlo perché non ha ancora rivelato ai suoi familiari e amici di essere gay. Alla fine egli sa che deve prendere varie decisioni: parlarne con la famiglia e gli amici, tacitare Martin in una maniera o nell’altra e scoprire o farsi dire finalmente il nome dal ragazzo con cui chatta in continuazione. E’ giusto, secondo voi?

    7) Perché Greg Berlanti, il regista del film, definisce la soluzione dei problemi di Simon la pagina più esilarante del film? E perché, sempre Berlanti, afferma che, da quel momento, la vita di Simon sarà diversa?

    I personaggi

    1) Simon un ragazzo dolce e simpatico, molto amico di tutti che, però, non vuol far sapere ad alcuno di essere gay. Secondo voi perché?

    2) Jack ed Emily, padre e madre di Simon, sono felici insieme e hanno una splendida famiglia. Possibile che Emily che è una psicologa non si sia accorta subito che Simon è gay? Come reagiscono i genitori quando lo vengono a sapere?

    3) Nora è la sorella di Simon. Si vogliono molto bene e contano l’una sull’altro. Ha importanza per Nora (quando lo sa) il fatto che il fratello sia gay?

    4) Leah è l’amica più cara di Simon. E’ insicura e fragile ed entra in crisi quando nella classe arriva Abby, una ragazza bella e sicura di se. Perché Abby, conoscendo Simon, fa naufragare l’amicizia tra Leah e Simon? Leah è forse innamorata di Simon?

    5) Abby è la ragazza, di cui è gelosa Leah ed è la giovane più desiderata dalla scuola. E’ carina e simpatica al punto che Simon le narra il suo segreto. Allora aveva ragione Leah?

    6) Nick è l’amico più caro di Simon. Anche lui ignora il suo segreto. Come reagisce quando lo viene a sapere?

    7) Martin è il ragazzo che ha scoperto di Simon e lo ricatta? Riesce a raggiungere il suo scopo?

    8) Creek Secrets è un post anonimo, la pagina web dei segreti del liceo in cui un misterioso studente gay rivela il suo timore di fare outing. Perché ciò diventa, per Simon, il fatto essenziale della sua vita?

    9) Alla fine del film scopriamo finalmente chi sia Blue?

     

     

Letto 501 volte

Video

Altro in questa categoria: « Il tuttofare Il Teatro al lavoro »

Indice dei Film

I Più Visti negli ultimi 6 mesi

Loro di Napoli (27 Mag 2018)
Il dolore del mare (27 Mag 2018)
La mélodie (28 Mag 2018)