Digitalife In evidenza

Informazioni aggiuntive

  • Sinossi:

     

    Digitale nasce dall’idea di raccontare come internet e il digitale abbiano cambiato la vita di tutti i giorni. Lo svelano le oltre 50 storie presenti nel docufilm, scelte tra le centinaia raccolte in quasi due anni di lavorazione.

    Un racconto collettivo che tocca diversi argomenti: la nascita di internet, la perdita di una persona cara, il mondo del lavoro in evoluzione, la rinascita dopo una crisi, la ricerca di una felicità perduta, la possibilità di socializzare, viaggiare, condividere esperienze ed emozioni. Ma anche il terrorismo, il mondo dell’informazione, il cyberbullismo. Il tutto con una visione di speranza nel futuro.

    Digitalife è un film che racconta un mondo fatto di connessioni, condivisioni e vita.

     

  • Genere: Documentario
  • Regia: Francesco Raganato
  • Titolo Originale: Digitalife
  • Produzione: Varese Web in collaborazione con Rai Cinema e Fondazione Ente dello Spettacolo
  • Data di uscita al cinema: 16 gennaio 2019
  • Durata: 75’
  • Sceneggiatura: Marco Giovannelli, Manuel Sgarella, Francesco Raganto
  • Direttore della Fotografia: Francesco Raganato
  • Montaggio: Diego Zucchetto
  • Destinatari: Scuole di ogni Ordine e Grado
  • Approfondimenti:

     

    Tour nazionale nei cinema per il film Digitalife

     

    Il 16 gennaio a Milano la prima ufficiale del docufilm prodotto da Varese Web con Rai Cinema e Fondazione Ente dello Spettacolo. Un “mosaico” di oltre 50 storie su come internet e il digitale hanno cambiato la vita.

     

    Inizia il tour nei cinema per il film Digitalife. Le prime tre proiezioni ufficiali, alla presenza di autori e protagonisti, si svolgeranno a Milano il 16 gennaio, a Roma il 22 gennaio e a Varese il 23 gennaio. Ma non solo: sono in programma, per le settimane successive, altre 15 date che vedranno proiezioni a Gallipoli, Borgo San Lorenzo, Firenze, Grosseto, Viterbo, e molte altre città d’Italia, per un tour che andrà avanti fino al mese di aprile. 

    Per richiedere di poter organizzare una proiezione del film nella propria città, basta inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

     

    Digitalife, prodotto da Varese Web in collaborazione con Rai Cinema e Fondazione Ente dello Spettacolo, è diretto dal regista Francesco Raganato e si avvale delle musiche originali composte da Vittorio Cosma. Il docufilm arriva nei cinema dopo quasi due anni di lavorazione. Un percorso lungo a cui hanno contribuito centinaia di cittadini invitando i propri video. Tra questi racconti di cambiamento sono state selezionate oltre 50 storie che sono andate a comporre il “mosaico” Digitalife. 

     

    «Finalmente DigitaLife approda in sala, la sua destinazione naturale. - È il commento del regista Francesco Raganato - La sala non è una velleità: un film che parla di come internet ci ha cambiato la vita e di condivisioni va visto condividendo uno spazio e del tempo. Perché i cambiamenti non accadono quando siamo da soli, ma accadono in virtù ed in funzione di chi ci sta accanto. Per questo DigitaLife ha bisogno di un respiro unico e di una visione condivisa. Perché quello che accade sullo schermo ci riguarda, parla di noi, di quello che siamo di diventati, non come più come singoli, ma come comunità».

     

    Vittorio Cosma, autore della colonna sonora

    «È stato un piacere lavorare sul materiale di Digitalife» aggiunge Vittorio Cosma, autore delle musiche originali del docufilm. «È un esperimento di verità: qualsiasi opera dell’intelletto che faccia parlare i veri protagonisti e che non sia una fiction, ha una potenza decuplicata rispetto alla normale narrazione. L’approccio artistico deve essere onesto e attento perché stiamo parlando di vite reali, sia di fatti positivi che di grandi drammi. Bisogna usare attenzione e compassione nel senso più nobile e profondo della parola, senza forzare le emozioni e senza negarle. Per me è un privilegio lavorare in questo tipo di progetti, perché la verità è sempre più potente di qualsiasi fiction».  

     

    «Abbiamo discusso molto per trovare un titolo al film - ha raccontato Marco Giovannelli, produttore - Digitalife è la sintesi perfetta perché rappresenta bene ciò che lo spettatore andrà a vedere. Al centro del film c’è la vita in tante sue forme. C’è il lavoro, come il viaggio, il dolore, la disperazione, come la speranza. C’è la malattia e il riscatto, il coraggio di chi sa affrontare i cambiamenti come la paura di ciò che stiamo vivendo. Il digitale è una nuova era per l’umanità e non conosce confini. Ci tiene tutti in una dimensione glocal, ben piantati nel locale ma con un orizzonte sempre più globale».

     

    DIGITALIFE

    ASSETTO PRODUTTIVO DEL FILM “DIGITALIFE”

    Il docufilm “Digitalife” è stato prodotto da Varese Web con Rai Cinema. Il regista Francesco Raganato è stato scelto nel 2017 in seguito a una selezione pubblica che ha visto la partecipazione di 130 candidati. Inoltre, sono molte le realtà che hanno sostenuto la produzione dal punto di vista organizzativo per la raccolta delle storie: il FAI - Fondo Ambiente Italiano, Terres des Hommes, il Parco nazionale delle Cinque Terre, l’associazione europea delle vie Francigene, l’Ordine dei giornalisti, e molte altre realtà che hanno contribuito alla diffusione del messaggio per la raccolta delle storie.

    Infatti "Digitalife" si avvale in gran parte di materiale video fornito dagli utenti nel corso dei mesi. Pratica conosciuta come “User generated content”. Sono state organizzate diverse call tematiche, con le quali gli utenti sono stati invitati ad inviare brevi video personali sui temi di volta in volta proposti. Le domande e gli aggiornamenti sul film sono in costante aggiornamento sul sito www.digitalife.org

    La sceneggiatura, quindi, è stata costruita in costante aggiornamento e la stesura è avvenuta su un soggetto iniziale ben chiaro, ma definita nel dettaglio di pari passo con le storie che sono state individuate sia dalla redazione (nata per la ricerca delle storie) sia dai contributi che arrivano spontaneamente attraverso il sito online.

    In questa maniera è stato costruito un documentario "in progress" che ha come ambizione la narrazione di una realtà oggi scontata, ma che basa le proprie radici su una tecnologia che usiamo tutti i giorni, anche involontariamente.

    La struttura della sceneggiatura non quindi previsto un racconto "a episodi", ma un intreccio di storie che si basano sui diversi temi che sono stati toccati: ambiente, lavoro, turismo, app, sport, città, mobilità, etc. Il tutto in maniera molto emozionale, non didascalica, ma puntando soprattutto sul cambiamento avvenuto nelle persone.

     

    NOTE DI REGIA

    di Francesco Raganato

    DIGITALIFE è un film fatto di storie. Ne sono arrivate tantissime in redazione, molte degne di finire in un film.

    È stato il film stesso poi a prendere il sopravvento, così la scelta è caduta sempre più su quelle storie dove si affacciava potentemente la vita. Perché è di questo che parla Digitalife. È stata una sfida contro il linguaggio convenzionale del documentario, contro i processi produttivi canonici, contro il classico storytelling. È stato un salto nel vuoto e poi un risalire.

    È un film corale, lo era nelle intenzioni e lo è stato nella realizzazione.

    È un racconto a più voci, alcune consonanti, altre divergenti, alcune sicure, altre incerte.

    Tutte sincere.

    Storie che raccontano della Vita che ormai è cambiata, della Vita che deve fare i conti con qualcosa che prima non c’era e che da ora in poi ci sarà per sempre, il Digitale appunto.

    In questo cambiamento ci siamo finiti tutti noi, nostro malgrado, e da esseri resilienti quali siamo ci stiamo pian piano adattando. C’è chi ci riesce e chi meno, ma ognuno di noi deve ormai confrontarsi con questa nuova sfumatura dell’esistenza.

    C’è chi scappa dal digitale e ritorna a coltivare la terra, ma c’è anche chi, proprio grazie al digitale, sceglie di cominciare a coltivare la terra. C’è chi trova nel digitale lo stimolo per reagire alle malattie, per esorcizzare la morte e la mancanza degli affetti. C’è chi ci prova e non ce la fa, c’è chi ci prova e ci riesce.

    In mezzo a questo mare di tentativi, opportunità, idee, vicende familiari, sentimentali ancora goffi ed imperfetti come le immagini che compongono il film.

    Quello che emerge nel film è la voglia di raccontarsi, perché se è vero che il Digitale ci permette una connessione più facile, è pur vero che questa connessione per essere tale e rimanere salda nel tempo ha bisogno di essere alimentata. Altrimenti siamo solo un numeretto rosso sull’icona delle notifiche.

    Digitalife è un film collettivo nel senso più inclusivo del termine, un film che è quasi germinato spontaneamente, con i suoi tempi e le sue modalità. Doveva essere un film sul Digitale e invece è un film sulla Vita.

     

    ORDINE DEI GIORNALISTI REGIONE TOSCANA

    JELIUC - JUNIOR ENTERPRISE LIUC

    SSML VARESE

    WWWORKERS

     

    Si ringraziano Giancarlo Patera e Marino Fiorentini per il permesso di riprodurre il brano musicale “Qualcosa Cambierà” prodotto da Nuovaera Records

     

    Si  ringraziano  Alfonso  López  Congostrina,  Paola  Lerma,  Gaetano  Miccichè   per   la    gentile concessione delle immagini relative all’attentato di Barcellona.

     

    UN RINGRAZIAMENTO SPECIALE A TUTTI COLORO CHE INVIANDO IL LORO VIDEO HANNO RESO POSSIBILE LA REALIZZAZIONE DI QUESTO FILM

    Massimiliano Abbiati, Elia Acunto, Giacomo Agosti, Oleh Ahratina, Silvia Irene Albasio, Simone Andreella, Gaetano Angeletti, Francesco Ardito, Nicolò Arioli, Samuele Astuti, Paolo Baggio, Roberto Baj, Andrea Balduzzi, Patrick Bani, Filippo Barbato, Tomaso Bassani, Eleonora Bassani, Ricardo Batioja, Alex Bellini, Tremeur Benidot, Nicola Bienati per ENI, Flavio Binda, Elisa Bisceglia, Carlo Bitetto, Roberto Bof, Gianluca Bombardi, Eleonora Bombardi, Sara Bossini, Sara Bottani, Clement Bourlier, Kassà Brandalise, Margaux Breselec,   Adelia Brigo, Erik Brouwer, Michael Brugnano, Giancarlo Buzzi, David Calas, Perla Calassi, Mattia Caon, Michele Cappellaro, Giorgio Cardani, Stefano Carugo, Adele Castellani, Massimo Castelli, Federico Castelnovo, Maurizio Castiglioni, Marta Cazzani, Antonio Cilli, Giovanni Colle, Giampaolo Colletti, Sebastian Colombo, Barbara Colombo, Silvia Conti, Rinaldo Corti, Mihaela Cotirlan, Samuele Cottini, Federica Crespi, Viviana Cunati, Giovanni Cupidi, Luca D'Alessandro, Matteo De Zaiacomo, Bianca Decaro, Alessia Della Marra, Geraldo Dervishi, Annamaria Di Giorgio, Rosa Maria Di Natale, Danilo Di Schiena, Elena Doni, Francesca Elicio, Flavio Fabbri, Nicolas Favresse, Stefano Fedele, Saimon Fedeli, Vincenzo Ferilli, Francesca Ferrara, Guido Ferrari, Daniela Ferroni, Davide Fiozzi, Emiliano Fraccica, Matteo Fumagalli, Laura Galizia, Guido Galletti, Danilo Gallinari, Luca Galvani, Claudio Galvani, Giulia Galvani, Giorgio Gardon, Eleonora Gargiulo, Giacomo Gattorno, Giulio Gervasini, Erika Giacomazzo, Diana Giani, Nicola Gioacchini, Giorgio Gori, Lorenzo Gostoli, Marco Gottardi, Michele Grandinetti, Nunzio Grassi, Roberto Grassi, Samuele Guarnaccia, Silvia Guarnera, Greta Guidobono, Tommaso Guidotti, Antonietta Iovine, Roberta Ippolito, Paola Irrera, Federica Isaza, Laura La Forgia, Erika La Rosa, Aldo Lafasciano, Nicola Lencioni, Costanza Lenner, Laura Leon, Sarah Leoni, Simone Livadoti, Damiano Lorusso, Myriam Lucchetta, Fabio Lunghi, Niccolò Luoni, Sandra Macasso, Michele Macchi, Justine Macmillan, Federico Magni, David Mammano, Chiara Maranto, Carla Mari, Orlando Mastrillo, Silvia Merigo, Carlo Merlo, Gaetano Miccichè, Benedetto Micheli, Tomas Miglierina, Sandro Minorini, Mario Montonati, Cesare Morrone, Enzo Muscia, Marco Nizzardo, Hans Noordsij , Gloria Nuzzi, Derval O'Neil, Marco Olivato, Stefano Orrù, Andrea Orrù, Enrique Oswaldo, Veronica Ottobrino, Konan Francoise Oussou, Giuseppe Paladina, Alessio Pale, Werner Palencia, Valeria Papa, Emanuele Patriarca, Alessandro Patscot, Daniela Pedretti, Maurizio Perin, Valentino Piccinelli, Carlo Piccinelli, Eleonora Piccolo, Stefano Pietta, Edmund Piunow, Luigi Pizzimenti per ADAA, Agnese Politi, Piera Prestinoni, Gigi Prevosti, Mattia Quargentan, Stefania Radman, Marina Raganato, Sergio

    Raos, Antonio Recchia, Gianmarco  Ricci,  Christian  Ricciarini,  Mario  Richichi,  Davide  Damiano Rizza, Nina Rossano, Claudio Saita, Giancarlo Samaritani, Giuseppe Sangiorgio, Andrea Saviane, Lorenzo Scaraggi, Luca Schiera, Salvatore Sciammetta, Marco Scurati, Bashkim Sejdiu, Luca Signorini, Stefano Solazzo, Stefano Soru, Lisa Sotgiu, Fabio Spinelli, Lina Squin, Martina Tacca, Natasha Tarantini, Renata Tedesco, Marco Tenaglia, Cristian Terranova Di Dio, Ettore Terribili, Alexandre Thomas, Agnese Tombesi e i bambini della scuola primaria 

     

    “G. Bellotti” di Villafranca di Verona, Paolo Torelli e Fondazione Carolina Onlus, Elisabetta Uglietti, Massimo Vacchetta, Rocio Vacondio, Andrea Valenzano, Eleonora Valletta, Michele, Vianello, Sandro Vidali, Sean Villanueva, Mauro Vitiello, Simone Vitillo, Daniela Volontè, Cesare Zampa, Caterina Zanin, Ilaria Zonda,  Marika Zorzi, Luca Zulliger

     

    COPYRIGHT©2018

    VARESE WEB

    Produttore ai sensi dell’art.45 della legge sul diritto d’autore

    (legge 22 aprile 1941 n.633 e successive modificazioni)

     

     

     

     

Letto 91 volte

Video

Altro in questa categoria: « Domani è un altro giorno

Indice dei Film

I Più Visti negli ultimi 6 mesi