Il giorno più bello del mondo In evidenza

Informazioni aggiuntive

  • Sinossi:

     

    Arturo Meraviglia è l’impresario di un piccolo teatro di avanspettacolo ormai in declino. Un inaspettato lascito da parte di un lontano zio gli accende la speranza di risolvere i problemi con i debitori ma quando scopre che l’eredità sono due bambini, Rebecca e Gioele, cade nello sconforto. Dopo i primi momenti di convivenza burrascosa, un bel giorno scopre che Gioele ha un potere sorprendente!!!
    Le magie che il bambino è in grado di compiere sembrano essere la chiave per risolvere i problemi di Arturo e risollevarlo dal vicinissimo tracollo. Il talento del piccolo illusionista non sfugge però a un team di loschi scienziati che vogliono scoprire cosa si celi dietro queste grandi doti. Con l’aiuto di buffi e sconclusionati amici e di una bella ricercatrice, tra colpi di scena e avventurose situazioni, Arturo farà di tutto per proteggere Gioele e per rimettere in piedi il suo teatro e vivere così il giorno più bello del mondo.

  • Genere: Commedia
  • Regia: Alessandro Siani
  • Titolo Originale: Il giorno più bello del mondo
  • Distribuzione: Vision Distribution
  • Produzione: Bartleby Film con Visione Distribution in associazione con Buonaluna
  • Data di uscita al cinema: 31 ottobre 2019
  • Durata: 104’
  • Sceneggiatura: Gianluca Ansanelli, Alessandro Siani
  • Direttore della Fotografia: Michele D’Atttanasio
  • Montaggio: Valentina Mariani
  • Scenografia: Chiara Balducci
  • Costumi: Eleonora Rella
  • Attori: Alessandro Siani, Stefani Spampinato, Giovanni Esposito e i piccoli Sara Ciocca e Leone Riva
  • Destinatari: Scuole di ogni Ordine e Grado
  • Approfondimenti:

     

    NOTE DI REGIA
    Ogni volta che preparo un progetto nuovo mi trovo davanti ad un bivio…provo a spiegarmi.
    "Il giorno più bello del mondo" è un film che vuole intrattenere il pubblico per circa due ore, seduto su una poltrona di un cinema. Per poi lasciarlo uscire dalla sala con un viso rilassato e un cuore pieno.
    In alternativa esiste "il giorno più brutto del mondo”: ovvero il pubblico esce scontento dalla sala, non può chiedere il rimborso del biglietto e l’unica frase che ripete è "ma chi me la fatto fa’ ,stavo così bello a casa sul divano a vedermi una serie tv!!!”
    Ed ecco la parola chiave: SERIE TV.
    Nella scrittura e nell’ideazione dei miei film precedenti non avevo mai considerato la forza ipnotica delle serie tv (alcune, non tutte, naturalmente). Ma 3 anni fa mentre concepivo questo mio nuovo progetto, ho capito che intorno a me, a noi, qualcosa da un bel po' stava cambiando.
    I nuovi strumenti tecnologici, gli effetti speciali e il linguaggio del fantasy stavano diventando i nuovi codici dell’intrattenimento sia della tv ma anche del cinema. Ma soprattutto bisogna considerare cosa desidera l’"aspettatore". Non ho sbagliato a scrivere...io lo chiamo non SPETTATORE MA ASPETTATORE…Perché si aspetta qualcosa di importante, divertente o emozionante. Se questo non succede, non solo l’aspettatore resta deluso, ma essendo per l’appunto aspettatore… potrebbe anche aspettarmi sotto al palazzo per mostrarmi con veemenza tutta la sua contrarietà… E vi assicuro che non sarebbe una bella cosa!
    In questo mio nuovo film, il protagonista è un bambino magico che riesce, attraverso i suoi poteri, a cambiare la mia vita, la sua e delle persone che lo amano. La differenza di un bambino con superpoteri è anche il luogo in cui li esprime. Tanti supereroi abbiamo visto a Manhattan, ma pochi a Napoli.
    E la domanda nasce spontanea. Ma con un bambino magico a Napoli, che succede? Succede che si mischiano sentimenti e divertimento, reale e surreale, folclore e meraviglia. Il risultato è un film fantastico. E il pubblicò decreterà, quale strada del bivio avrò intrapreso..
    Se il pubblicò dirà all’uscita della sala…”Sì, è una storia fantastica…ma è anche un fantastico film…”sarebbe un vero effetto speciale per me!
    Alessandro Siani


    Alessandro Siani
    (Regista e attore protagonista)

    Alessandro Siani, napoletano classe ’75, è un attore comico che da dieci anni si divide tra teatro, cinema e televisione. Il suo debutto avviene al Tunnel cabaret di Napoli. Si fa conoscere in tv partecipando a numerose trasmissioni comiche del circuito campano, prima di approdare sugli schermi italiani nel 2002 con la conduzione su Rai Due di Bulldozer al fianco di Dario Vergassola e Federica Panicucci. Nel 2003, arriva sui palchi teatrali di tutt’Italia Fiesta, un grande successo che culmina nel 2004 all’Arena Flegrea con lo spettacolo Tienimi presente, un trionfo di presenze con oltre 12.000 spettatori.
    Nel 2006 il suo primo film da protagonista con Ti lascio perché ti amo troppo, un film di Francesco Ranieri Martinotti, in cui Siani è anche autore. Nello stesso anno è tra i protagonisti di Natale a New York, di Neri Parenti. Nel 2007, ritorna a Napoli, allo stadio San Paolo, con il suo nuovo lavoro teatrale, Per Tutti, con il quale ottiene uno strepitoso riscontro di pubblico con 25.000 presenze in un’unica data. Nello stesso anno conduce Tribbù con Serena Dandini. Al cinema torna a essere diretto da Neri Parenti in Natale in crociera. Con questo lavoro vince il Biglietto d’Oro e il premio Internazionale Cartoon on the bay come personaggio maschile.
    Nel 2008 il secondo film La seconda volta non si scorda mai diretto sempre da Martinotti. Nel 2010 esce anche il suo primo libro, Un napoletano come me, edito Rizzoli. E’ al cinema che Alessandro ottiene la definitiva consacrazione con il ruolo di protagonista accanto a Claudio Bisio in Benvenuti al Sud di Luca Miniero. Un percorso tracciato che è continuato nella stagione successiva, grazie al sequel della pellicola, Benvenuti al Nord, che ha bissato il successo del precedente. A ottobre 2011 è a fianco di Fabio De Luigi, nel film La peggiore settimana della mia vita di Alessandro Genovesi. Nell’edizione italiana del cartoon Cars 2, Alessandro dà la sua voce a una delle macchine protagoniste, quella tricolore di Francesco Bernoulli.
    Alla fine del 2011 ha debuttato con il nuovo spettacolo Sono in zona, che ha registrato il sold out nei più prestigiosi teatri italiani. Nello stesso anno, la casa editrice Mondadori pubblica il nuovo libro di Alessandro Siani, dal titolo Non si direbbe che sei napoletano, che diventa un Best Sellers . A febbraio partecipa come ospite a San Remo. Il 31 marzo 2012, per la prima volta nella storia del teatro Sistina, Siani va in scena con 3 spettacoli nello stesso giorno, con l’ultima replica che ha avuto inizio a mezzanotte. Il 5 dicembre 2012, riceve a Sorrento - all’interno delle Giornate Professionali del Cinema - il quarto biglietto d’oro per il miglior incasso della stagione di Benvenuti al Nord (i precedenti biglietti d’oro erano stati ritirati per Natale a New York, Natale in crociera e Benvenuti al Sud).
    Il 14 febbraio 2013, è uscito Il Principe abusivo, che ha sbancato il botteghino sfiorando quota 15 milioni di euro. Nel novembre 2013 è uscito in libreria per Mondadori, il nuovo libro L’Italia Abusiva, viaggio semiserio sull’abusivismo italiano.
    Dall’estate 2013 fino ai primi mesi del 2014 ha girato l’Italia con il suo spettacolo Sono In Zona Show, registrando ovunque il soldout. Nel 2015 firma la regia di Si accettano miracoli prodotto da Cattleya e Rai Cinema e distribuito da 01 Distribution. Sempre nel 2015 va in scena l’adattamento teatrale del film Il Principe Abusivo, che registra un grande successo in tutt’Italia. Nello stesso anno pubblica il suo quarto libro Troppo Napoletano (Feltrinelli) e l’anno seguente esce al cinema l’omonimo film con Siani nella nuova veste di produttore grazie alla neonata factory Cattleya Lab creata per valorizzare le giovani promesse del cinema italiano. Dopo il successo del film è stata realizzata la versione teatrale che è in scena nei teatri campani a febbraio/marzo 2017. L’1 gennaio 2017 Siani è uscito nelle sale il suo terzo film da regista, Mister Felicità prodotto da Cattleya e Rai Cinema e distribuito da 01 Distribution, confermando con un grande successo al botteghini.
    Il 16 gennaio 2017, Alessandro Siani, dirige sul palco del teatro San Carlo, il genio del calcio Diego Armando Maradona, in esclusiva mondiale. La serata è stata messa in onda in primavera dal Canale 9. A gennaio 2017 il tour de Il Principe Abusivo, registra sold out nei più grandi teatri e palazzetti di Italia. Nell’autunno 2018, è arrivato sul grande schermo il suo secondo lavoro da produttore, La fuitina sbagliata, che ha visto protagonisti il duo comico siciliano “I Soldi Spicci, registrando un grande successo al box office. Nel 2018 ha girato il suo quarto film da regista e protagonista Il giorno più bello del mondo nelle sale il 31 ottobre 2019. Da marzo 2019 riprende un mini tour con lo spettacolo Felicità tour, insieme al compositore Maestro Umberto Scipione, registrando sold out ovunque. Pubblica per Mondadori a marzo 2019 “Napolitutdine” scritto a quattro mani con Luciano De Crescenzo. Sarà l’ultima opera del compianto autore napoletano.

    Filmografia
    2019 - IL GIORNO PIU’ BELLO DEL MONDO (di Alessandro Siani) 2016 - MISTER FELICITÀ (di Alessandro Siani)
    2014 - SI ACCETTANO MIRACOLI (di Alessandro Siani) 2013 - IL PRINCIPE ABUSIVO (di Alessandro Siani) 2012 - BENVENUTI AL NORD (di Luca Miniero)
    2011 - LA PEGGIORE SETTIMANA DELLA MIA VITA (di Alessandro Genovese) 2010 - BENVENUTI AL SUD (di Luca Miniero)
    2008 - LA SECONDA VOLTA NON SI SCORDA MAI (di Francesco Ranieri Martinotti) 2007 - NATALE IN CROCIERA (di Neri Parenti)
    2006 - NATALE A NEW YORK (di Neri Parenti)
    2005 - TI LASCIO PERCHÈ TI AMO TROPPO (di Francesco Ranieri Martinotti)

    Teatro
    2018 - FELICITÀ TOUR
    2017 - TROPPO NAPOLETANO
    2015/2017 - IL PRINCIPE ABUSIVO A TEATRO
    2013/2014 - SONO IN ZONA SHOW
    2011/2012 - SONO IN ZONA
    2011 - PIÙ DI PRIMA…BENVENUTI A TEATRO
    2010 - PIÙ DI PRIMA INTERNATIONAL
    2009 - PIÙ DI PRIMA
    2008 - PER TUTTI REVOLUTION
    2007 - PER TUTTI
    2004 - TIENIMI PRESENTE
    2003 - FIESTA

    Produttore
    2017 - LA FUITINA SBAGLIATA (di Mimmo Esposito) 2016 - TROPPO NAPOLETANO (di Gianluca Ansanelli)

    Televisione
    2007 - TRIBBÙ (Rai Due)
    2006 - LIBERO (Rai Due)
    2002 - BULLDOZER (Rai Due)

    Libri
    2019 - NAPOLITUDINE con Luciano De Crescenzo (Mondadori)
    2015 - TROPPO NAPOLETANO (Feltrinelli)
    2013 - L’ITALIA ABUSIVA (Mondadori)
    2011 - NON SI DIREBBE CHE SEI NAPOLETANO (Mondadori)
    2010 - UN NAPOLETANO COME ME (Rizzoli)

  • Spunti di Riflessione:

     

    di LDF

    1)    Arturo Meraviglia, il protagonista del film, è l’impresario di un piccolo teatro di avanspettacolo che ora, non ha più spettatori.
    Sapete cosa sia, come forma teatrale, l’avanspettacolo che ha conosciuto grandi successi dagli anni ’30 agli anni ’60? E adesso? Esiste ancora sui palcoscenici l’avanspettacolo? Se no perché Arturo insiste a rappresentarlo?
    2)    Cosa pensa Arturo quando lo informano di un lascito, destinato a lui, dopo la sua morte da un lontano zio? Indubbiamente pensa a un lascito in denaro e con quei soldi immagina di realizzare tanti sogni. Anche quello di restaurare il suo teatro dopo aver pagato i tanti debitori?
    3)    Il lascito si rivela per Arturo una grandissima delusione. Lo zio non gli ha lasciato denaro ma due bambini che il lontano parente ha affidato ad Arturo, nominandolo loro tutore. I bambini sono tutti e due intorno alla decina d’anni e si chiamano Gioele e Beatrice. Qual è la reazione di Arturo quando se li vede davanti? E qual è quella di Gioele? E di Beatrice?
    4)    Arturo è, però un gran bravo giovane e, ormai che i bambini stanno con lui è consapevole che dovrà occuparsene e si sta mettendo l’anima in pace accettando la situazione, quando scopre che Gioele… Cosa scopre Alfredo del bambino?
    5)    Quando e come Arturo si rende conto che Gioele ha un sorprendente potere? E qual è questo potere che Gioele sa gestire, forse, senza nemmeno rendersene conto?
    6)    Arturo pensa di potersi sollevare dalla sua brutta situazione economica, organizzando spettacoli con protagonista, il piccolo illusionista. Gli affari stanno andando benino quando il giovane scopre che un gruppo di uomini, loschi e disonesti, si sta interessando al bambino e lo vuole rapire. Quando e come Arturo comprende il fatto che gli toglie la pace anche perché ai due bambini, a lui affidatogli, si è ormai affezionato?
    7)    E’ evidente però che a questa gente camorrista e mafiosa non interessa Beatrice ma Gioele. Perché? Quale piano disonesto vorrebbero attuare servendosi delle proprietà di Gioele?
    8)    Arturo capisce che, di fronte a questo gruppo pericoloso e astuto, deve giocare anche lui di astuzia. Quale piano si inventa per proteggere il bambino, servendosi anche dell’aiuto di Flavia, una giovane e bella ricercatrice e di un gruppo di amici piuttosto curiosi fra cui Gianni Pochi Pochi, Ernesto ‘o posteggiatore, Fefè ‘o scienziato ed Edoard ‘o barbiere. E qual è la difesa che Arturo vuole mettere in piedi, come lo aiutano i suoi amici, buffi e particolari ma fedeli e come interviene Flavia di cui Artuto comincia a subire il fascino?
    9)    Alla fine del film che altro non è che una dolcissima fiaba, trasportata ai giorni nostri. Arturo, come in tutte le fiabe che si rispettino, vince sui “cattivi”, liberando sia lui che Gioele dall’incubo che il bimbo possa essere rapito, riapre il suo teatro che ha successo e, per lui, la nuova inaugurazione del suo spazio teatrale rimesso a nuovo con i bambini e gli amici intorno diventa
    Il giorno più bello del mondo!
    E Flavia?

Letto 52 volte

Video

Altro in questa categoria: « Una giusta causa

Indice dei Film

I Più Visti negli ultimi 6 mesi

Cafarnao (11 Giu 2019)
Aladdin (11 Giu 2019)
Il traditore (11 Giu 2019)
Digitalife (11 Giu 2019)